Roma, 16 Gennaio 2015. Il Ministro Gentiloni accoglie a Ciampino Greta Ramelli e Vanessa Marzullo. Foto Ansa su esteri.it/ id=6778

Pareri discordi sulle cooperanti

Eroine o irresponsabili?
di Luisanna Tuti

Dalle pagine di Facebook
Michele:
“Adesso scambiamole coi marò”
Franco:
“Andata affanculo vigliacche: Ora pagate voi. Ve la siete cercata!
Giuseppina:
“Una domanda: perché abbiamo dovuto pagare noi?”
Bob Blake:
“Grazie Greta e Vanessa, per il vostro splendido esempio.
Maurizio:
“Andate a lavorare e ridateci i soldi, cretinette!”
Ho voluto iniziare il discorso sulla storia delle cooperanti Greta Ramelli e Vanessa Marzullo con alcune opinioni del popolo di Facebook, prima di porre a persone comuni una domanda che mi sta molto a cuore:
Cosa ne pensate della vicenda di Greta e Vanessa? E’ giusto che siano state accolte dal Ministro degli Esteri come due eroine?
Risposte:
Signora Marisa al mercato di Prima Porta:
“Ma che giusto e giusto!?! Si voi fa del bene ce sta da fa pure al Paese nostro. Io so vedova, senza figli, con una madre malata che nun pò manco magnà da sola e i servizi sociali nun me danno ‘na mano perché dicono che, siccome io sto a casa, me la devo cavà da sola. Ma devo pure uscì a fa la spesa. Co chi crede che sta mi madre in questo momento?? Da sola perché nessuno m’aiuta. Si casca per terra e more, con chi me la dovrei piglià. Si qualcono me da un piccolo aiuto, anche solo pe guardalla un’ora al giorno, nun sarebbe n’opera di umanità?”
Signora anziana sull’auto ATAC-200:
“Come ha detto?? Cooperanti? Quelle so due delinquenti che a bon conto se so messe d’accordo coi terroristi per faije dà li sordi der riscatto!!”
Autista dell’ATAC- 035
“Faccio parte di una ONLUS e per me sono due eroine. In quanto al Ministro che è andato a riceverle è un altro discorso. Per me non doveva andarci. Magari solo il capo dei Servizi Segreti perché è giusto che siano state interrogate”.
Studente Universitario:
“Per me sono due sceme fanatiche e peggio di loro sono i nostri governanti. Applausi in Parlamento e il Ministro che le va a ricevere, mentre non sono riusciti a risolvere il problema dei Marò. Qualcosa non mi torna!”.
Studentessa liceale:
“Dico solo che sto aspettando a vedere cosa faranno i nostri governanti quando arriverà la Cristoforetti. Spero che  vada ad accolgierla il Presidente della Repubblica (ammesso che ci sia) con tutti i Corazzieri!”.
Ho voluto riportare queste dichiarazioni raccolte su Facebook e per la strada personalmente, per dare voce alla gente su una vicenda, la cui conclusione lascia un po’ interdetti. Premettendo che sono felice che le due ragazze siano salve, non ho condiviso l’eccessivo entusiasmo dei nostri Parlamentari, poiché, ognuno di noi, raggiunta l’età della ragione, deve essere responsabile delle proprie scelte. Quando le ragazze hanno deciso di andare in un territorio così difficile, avrebbero dovuto essere consapevoli dei pericoli che correvano. E’ vero quello che dice la signora Marisa: chi vuole fare del volontariato, lo dovrebbe fare prima di tutto in casa propria. Io per un periodo andavo ad imboccare gli anziani ammalati in un ospedale. Non credo che questo mio atto di carità sia meno meritevole di portare aiuti ai “fratelli combattenti”. Le scelte che facciamo non devono nuocere ad altri. Le due signorine Greta e Vanessa, hanno scomodato un intero Paese e preferisco non credere alle voci di un riscatto milionario che, ovviamente, dovrebbe essere pagato con i soldi pubblici e i sacrifici anche dei pensionati che vivono con 400 euro mensili. Questo tipo di volontariato è molto comodo e porta tanta pubblicità: non mi stupirebbe se avessero già ricevuto qualche onerosa proposta di contratto per un bel film sulla loro storia!!

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.