Vergine di Quito - Ecuador (fonte foto Pixabay)

Le straordinarie apparizioni della santa Vergine a Quito, in Ecuador, nel 1594

Previsti già quattrocento anni fa gli avvenimenti di oggi
di Antonello Cannarozzo

Giorni fa mi è capitato tra le mani un libricino sulla storia e la devozione della Madonna del Successo. Il titolo già da solo invogliava a leggerlo, ma non era, come prevedevo, un manuale per raggiungere in breve fama e popolarità con qualche preghiera, ma era l’accorato appello della santa Vergine per le condizioni in cui si trovava l’umanità.

A questo punto si potrebbe rispondere che di Madonne che fanno profezie a veggenti, o sedicenti tali, ce ne sono fin troppe nella storia della Chiesa, ma questi messaggi rivelati ad una suora in un convento di Quito in Ecuador nel lontano 1594 e nei dieci anni a seguire, hanno dell’incredibile perché, caso più unico, si riferiscono non agli uomini a Lei contemporanei del XVI secolo, ma a noi, uomini del XX e XXI secolo, profetizzando ciò che sarebbe accaduto quattrocento anni dopo sulla Terra a causa dei tanti peccati.

Prima di proseguire è bene ricordare che la Chiesa ha considerato queste apparizioni attendibili e il fatto stesso che in parte il messaggio si sia già realizzato, questo da solo è una garanzia della sua veridicità.

Ma torniamo alla storia.

Il 2 febbraio del 1594, suor Mariana de Jesus Torres badessa del convento dell’Immacolata Concezione, era scesa come tante altre sere in chiesa per pregare quando all’improvviso, racconterà in seguito, senti vicino a lei la presenza di qualcuno e in breve le apparve una bella e luminosa Signora vestita anch’essa da suora che con la mano sinistra sosteneva un Bambino e con la mano destra stringeva un prezioso pastorale abbaziale.

Si presentò come Maria del Buon Successo, regina dei Cieli e della terra e da quel momento iniziarono una serie di prodigiose apparizioni nelle quali descrisse avvenimenti che sarebbero accaduti in futuro, specialmente ai giorni nostri, profetizzando, purtroppo, una crisi morale immensa e carica di castighi per l’umanità.

Ma quali sono questi messaggi così preoccupanti?

In estrema sintesi, verso la fine del XIX secolo e poi per gran parte del XX secolo si spargeranno numerose eresie che faranno affievolire la fede tra i cristiani anche per il dilagare della corruzione dei costumi. Sempre in quel periodo si assisterà a grandi calamità fisiche e morali, pubbliche e private dove le anime ancora fedeli a Cristo, soffriranno il martirio.

Tra le calamità del XX secolo il mondo, specie in Europa, conoscerà la tragedia di due guerre catastrofiche e dopo questi avvenimenti lo spirito di impurità dominerà dappertutto “Come un mare immondo e godendo di una libertà talmente sorprendente che quasi non resteranno più nel mondo anime vergini” ed ancora coloro che sono contro Dio arriveranno a colpire l’unità delle famiglie e l’innocenza dei bambini. Un modo per spegnere sul nascere eventuali vocazioni religiose, grazie anche ad una scolarizzazione sempre più laicizzata.

Ad indebolire la società verrà combattuta la famiglia naturale con il sacramento del matrimonio e tutto ciò “renderà più facile per tutti vivere nel peccato”, favorendo la nascita di figli senza la benedizione della Chiesa attraverso il battesimo.

Ricordiamo in proposito che per san Giovanni Paolo II, questo era il nodo, perché colpendo la famiglia si toccava la colonna portante della creazione, la verità del rapporto fra l’uomo e la donna e fra le generazioni.

Ed ancora, in queste ore dolorose chi avrà il potere e l’autorità per difendere i suoi fedeli rimarrà in silenzio“così molte anime si perderanno mettendo in pericolo la loro stessa salvezza eterna” altri che avranno la capacità di lottare “per ottenere la distruzione del male e la restaurazione della Fede” rimarranno indifferenti, per non compromettersi, davanti alla persecuzione della virtù e al trionfo dei malvagi.

Tutto ciò accadrà, afferma la Madonna, anche per la timidezza o, meglio ci permettiamo di dire per la viltà, “di tante anime consacrate a Dio, che saranno causa del dominio di Satana su queste terre".

Non solo questo, il comportamento dei sacerdoti, lascerà molto a desiderare perché diventeranno trascurati e pigri nei loro sacri doveri, interessandosi sempre più delle cose del mondo che del Cielo, ma soprattutto ci saranno molti sacerdoti che vivranno nella immoralità e per questo saranno motivo di scandalo per i cristiani, facendo ricadere su tutti gli altri sacerdoti anche bravi la loro vergogna, aiutando così i nemici della Chiesa.

Non avendo più una Chiesa forte per difenderli in queste traversie “molti sacerdoti perderanno il loro spirito, ponendo le proprie anime in grande pericolo” edabbandoneranno i loro doveri sacri e si allontaneranno dalla via segnata per loro da Dio. Insomma, la Chiesa dovrà affrontare una massiccia apostasia, la corruzione del clero, e la crisi delle vocazioni, l’abbandono delle regole nella vita religiosa nel tragico silenzio dell’autorità ecclesiastica e non arginando il propagarsi di eresie sempre più numerose.

Di profezie la Madonna del Successo ne ha fatte molte altre, ma non basterebbe un articolo per raccontarle tutte, purtroppo, sempre tragiche, ma come per altre profezie riconosciute dalla Chiesa anche questa volta trionferà il Cuore Immacolato di Maria che sconfiggerà il serpente delle eresie e della corruzione. Ecco da dove viene il nome della Madonna del Successo.

Per La Chiesa, stando alle profezie, non solo quelle di Quito, ma basterebbe ricordare quelle della Salette o di Fatima con il famoso segreto, per capire che per il mondo non si apre un futuro roseo, dove tutti vivono in amore e concordia, ma un futuro assai doloroso. Come sembrano allora lontane le certezze che espose un altro santo papa, Giovanni XXIII, quando alla apertura del Concilio parlò di una “nuova primavera” di pace per la Chiesa e per il mondo, purtroppo le nuvole sempre più cupe del mondo attuale si cominciano a vedere con il rombo dei tuoni in lontananza, altro che nuova primavera. 

 

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.