Uova di Pasqua (fonte foto Pixabay)

L'origine di un simbolo di vita e sacralità tra credenza e mitologia

Perchè le uova a Pasqua?
di Luisanna Tuti

Credenze pagane e mitologiche hanno portato fino a noi le uova, come simbolo di vita e sacralità. Infatti nell'antichità cielo e terra erano considerati due emisferi che, congiungendosi, formavano un uovo.

Gli Egizi consideravano l'uovo un contenitore dei 4 elementi: terra, acqua, aria e fuoco ed i Persiani festeggiavano l'arrivo della stagione primaverile ( rinascita della natura) con lo scambio di semplici uova di gallina.

In alcuni sepolcri in Russia ed in Svezia sono state rinvenute uova di creta mentre, in Beozia,  sono state scoperte statue con un uovo in mano, probabilmente simbolo di ritorno alla vita. Proibito agli adepti dell'Orfismo il consumo delle uova, in quanto negavano la reincarnazione, di cui ritenevano l'uovo come immagine (ritorno periodico all'esistenza).                

I Cristiani ripresero l'uovo come simbolo di vita, poiché questo, che apparentemente somiglia ad un sasso inanimato (come il sepolcro di Gesù), in realtà cela una vita pronta a sbocciare: come Cristo  uscì dalla pietra.

Perciò l'uovo è simbolo di Resurrezione.

Nel Medioevo si diffuse l'uso di decorare le uova da regalare alla servitù. Venivano bollite, avvolte in foglie e fiori che davano loro colori e sfumature.

In quel periodo il Cristianesimo consacrò l'uovo, non più simbolo di rinascita primaverile, bensì rinascita dell'uomo in Cristo. ( Oggi nel rito ortodosso le uova vengono dipinte di rosso per ricordare la passione di Gesù).

Nelle varie corti europee si diffuse l'abitudine di far realizzare uova artificiali, rivestite in oro, platino o argento, destinate ai ricchi ed ai nobili. Si dice che Edoardo I°, Re d'Inghilterra, ne commissionò 450 rivestite d'oro da regalare  ai suoi amici.

La tradizione della sorpresa all'interno dell'uovo nacque con l'orafo russo Peter Carl Fabergé che, nel 1883, creò, su incarico dello zar per farne dono alla zarina, un uovo di platino smaltato di bianco. All'interno fu posto un uovo d'oro che, a sua volta, conteneva due doni: un pulcino d'oro ed una riproduzione della corona imperiale.

Alla fine del '700, a Torino, nacque la consuetudine di creare uova di cioccolata,  realizzate su disegni di noti artisti, da regalare come elegante simbolo pasquale. All'interno veniva inserito un  dono scelto dal committente.

Ancora oggi, è viva la tradizione  dell'uovo di cioccolata (fondente, bianca o al latte), amata soprattutto dai bambini, spinti dalla curiosità per la sorpresa, che, indubbiamente alimenta la vendita del prodotto, non più creato da esperti, ma divenuto molto commerciale e  considerato tuttora “simbolo di buon  augurio”.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.