Wassenaar, mei 2013: Zijne Majesteit Koning Willem-Alexander, Hare Majesteit Koningin Máxima met hun dochters de Prinsessen Catharina-Amalia, Alexia en Ariane en hond Skipper.

I guai della Royal Family d'Olanda

E ora i reali d'Olanda
di Luisanna Tuti

La famiglia reale d'Olanda si compone di:

Guglielmo Alessandro (1967): Re, successore dal 2013 della Regina Beatrice

Maxima (1971): Regina

Amalia (2003) : Principessa ereditaria figlia dei regnanti

Alexia  (2005)  : Principessa - 2a figlia

Ariane (2007)  : Principessa -  3a  figlia

Friso (1968-2013): Principe, fratello di Guglielmo

Costantino (1969): Principe, fratello di Guglielmo 

 

Guglielmo Alessandro, laureato in Giurisprudenza all'Università di Leida, ha svolto il servizio militare in Marina.

Nel 2002  ha sposato l'argentina Maxima  Zorreguieta, laureata in Scienze Economiche presso l'Università Cattolica Argentina. Conosciuta durante una festa a Siviglia mentre lavorava a New York, Maxima si è trasferita a Bruxelles e, nel 2001, ha acquisito la nazionalità olandese, poco prima del matrimonio. Alle nozze non ha potuto partecipare suo padre a causa della collaborazione con Jorge Videla (generale, dittatore, presidente argentino dal 1976 al 1981, responsabile di crimini contro l'umanità).

Dalla loro unione sono nate tre figlie: Amalia, Alexia e Ariane.

Amalia è la primogenita  dei reali e quindi la prima in linea di successione al trono. Studia in una scuola statale e gioca ad hockey, pratica judo, studia danza classica e violino e ama l'equitazione. Anche Alexia gioca ad hockey e a tennis; studia danza classica e pianoforte e pratica l'equitazione, mentre Ariane pratica il nuoto, studiando, come le sorelle, danza classica, pianoforte e judo.

Purtroppo anche alla corona olandese non sono mancate critiche dal popolo e dai media  che hanno pubblicato storie da “tabloid” obbligando la Regina Beatrice a mantenere la monarchia al passo con i tempi, in sintonia con le esigenze dei sudditi.

Nonostante tutti gli sforzi reali, il 30 aprile 1980, durante  l'incoronazione di Beatrice,  molte persone manifestarono contro i reali per le condizioni di povertà in cui versavano alcune zone del Paese. Queste proteste provocarono scontri con la polizia, con feriti e cariche anche violente contro la gente.

Il 30 aprile 2009, nella ricorrenza della festa nazionale, un uomo piombò sul corteo reale con la sua auto a tutta velocità, uccidendo tre uomini e due donne e morendo lui stesso.  La famiglia reale rimase illesa, ma la Regina sospese tutti i festeggiamenti in segno di lutto.

Purtroppo anche un grave lutto colpì in seguito i reali. Nell'agosto del 2013, dopo 18 mesi di coma, venne a  mancare l'adorato figlio  secondogenito di Beatrice, Friso, investito da una valanga il 17/2/2012, in Austria, mentre sciava fuori pista. Essendo rimasto sotto la neve senza ossigeno  più di 20 minuti, per il principe non ci fu scampo.

Ha lasciato due figlie e la moglie Mabel. Questa unione aveva obbligato il giovane principe a rinunciare alla successione al trono, per i trascorsi della sposina. Infatti, nonostante abbiano tentato di tenere nascosto il passato della consorte, tutta l'Olanda venne a conoscenza che la giovane era stata fidanzata con un trafficante di droga, ucciso all'Haya davanti all'Hotel Hilton e successivamente si era legata a Mohamed Sacirbey, ex ministro Affari Esteri bosniaco, condannato negli USA per uso illecito di fondi pubblici.

La Regina Beatrice aveva  difeso  molto questo legame, poiché si era affezionata alla ragazza per l'affetto dimostratole dalla giovane durante la malattia dell'amato marito Klaus. Il matrimonio di Friso e Mabel fu celebrato molto sottotono, senza la presenza di  regnanti  (non essendo più Friso successore al trono) e per la morte del padre Klaus, avvenuta solo nel mese di ottobre precedente.

Personalmente ho avuto modo di conoscere i tre principi quando,  d'estate, frequentavano l'Argentario, proprietari di una villa senza piscina e salivano a fare il bagno in quella di una mia amica,  durante le ore in cui la Regina riposava. Belli, vivaci, modesti, erano tre splendidi ragazzini senza grilli per la testa: forse perché proprio  su uno i quei capi doveva essere posta una corona reale!!

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.