Mani unite (Foto di Miguer R Perez - Pixabay)

Andando alla ricerca del senso della vita e della morte

Apologia di quella lì
di Mario Attanasio

- Hai saputo ?

- No, saputo cosa?

- Se n’è andata Filomena.

- Ah! E dove è andata?

- Non fare il cretino come al solito!

- Mah, a dire il vero non capisco;  Filomena l’ho vista due-tre mesi fa e non mi ha detto che sarebbe andata via.

- Cretino!

Questo era l’aggettivo che , nella migliore delle situazioni, Anita riservava per Ferdinand.

- Non hai capito?Se ne andata per sempre!

- È morta?

- Taci, non pronunciare quella parola, non la voglio sentire!

- E perché?

- Mah, non lo so, mi fa paura, molta paura; e poi ci sono Renata, Rachele, Guido e anche Alberto nelle stesse condizioni e non riesco a pronunciare quella parola...

- La Morte?

- Sì, quella; al solo sentirla pronunciare mi vengono i brividi..

- Ma Anita, noi viviamo in continuazione con Lei.

- Si, ma è una cosa brutta.

- E perché?

- Mah, non so, forse perché mi piace tanto vivere che non mi piace l’idea che tutto questo debba finire, forse anche fra dolori e sofferenze.

- Capisco, ma la vita non è forse iniziata con un grande dolore, quello del parto?

- Ma cosa c’entra, quello è un dolore che sai che ti porta ad una nuova vita di un nuovo essere!

- E chi non ti dice che il dolore della Morte non porti ad una nuova vita, di un nuovo essere?

- Ma sei impazzito Ferdinand? Cosa dici? Che la morte porti ad un nuovo essere?

- Beh Anita, rispondi a questa domanda: se non ci fosse stata la Morte come staremmo adesso?

 - Dove avremmo messo tutti i popoli precedenti? Puoi immaginare la Terra con tutti gli uomini nati ancora vivi dalla preistoria fino ad ora?

- E tu immagini come si troverebbe l’Uomo di Neandertal nel mondo di oggi alle prese con Internet?

- O i vecchi Imperatori di Roma a dare conto delle loro azioni al Parlamento Europeo?

Le paure  di Anita cominciavano ad avere dei dubbi su loro stesse.

- Ma dove vuoi arrivare? Non vuoi arrivare ad affermare che sia addirittura una cosa necessaria?

- Non è solo necessaria! È addirittura bella!

- Ma tu sei proprio impazzito! Basta con queste sciocchezze deliranti! Sei fuori di senno!

- No! Sono solo obbiettivo, dico solo che la Morte è necessaria per lo sviluppo dell’umanità. Anzi è una cosa bella.

- Questa è proprio bella! E per chi lo sarebbe?

- Per l’Anima!

- Come?

- Sì perché per l’Anima la Morte è un evento bellissimo, si libera del corpo fisico e delle sue forze eteriche che l’hanno trattenuta in questa vita terrena, questa esperienza di incarnazione nel mondo terreno, per ritornare in quel Mondo Spirituale dal quale è discesa con la nascita, per iniziare una nuova vita quale Spirito fra altri Spiriti; quindi quando si attraversa la porta della morte finisce una vita e ne ricomincia un’altra, forse non meno bella!

Anita non era del tutto convinta, ma un po’ rinfrancata prese per le mani Ferdinand e lo invitò a vivere insieme ancora per un pò questa vita, che, tutto sommato, aveva ancora degli aspetti piacevoli…

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.