Porto, Marettimo (foto di Lorenza Rallo©)

La bellezza di un’isola siciliana senza tempo

Due giorni a Marettimo
di Lorenza Rallo

Amo l’isola disabitata/nido del vento e del gabbiano/fior di mirto, ginepro, rosmarino/

figlia del mare prediletto/ma se paese esser deve/che sia come Marettimo/

grappolo di case e di terrazze/sospese tra nuvole e mare/

regno di gente gentile/miraggio di pace nel cieli/mentre la nave s’allontana

(L'addio, Anonimo)

 Vista da Trapani, Marettimo è la più lontana delle Isole Egadi, talmente distante che  il suo profilo si intravede appena e solo nei giorni in cui il cielo è completamente sgombro di nuvole si può distinguere nitidamente la sua presenza.

Porto, Marettimo (foto di Lorenza Rallo©)

Arrivati in aliscafo, dal mare sembra un’enorme montagna che emerge dalle acque. Acque cristalline come quelle di Marettimo è raro trovarle altrove, e grazie alla luce che illumina il fondale regalano delle sfumature blu-smeraldo, difficili da raccontare a parole o da riuscire a catturare in una foto.

Abitazione di Marettimo (foto di Lorenza Rallo©)

Il paesino è caratterizzato da case bianche con persiane azzurre che ricordano quelle presenti sulle principali isole greche. Il centro si articola in piccole viuzze spesso costeggiate da locali, ristoranti, alloggi, strutture alberghiere, chiese ed edicole religiose. Mangiare nei ristoranti dell’isola è un’esperienza da provare, e dovunque si possono trovare prodotti genuini e pesce sempre fresco e appena pescato, come il tonno.

Sebbene abitata, soprattutto nella zona del porto e del centro, Marettimo è una terra che ha conservato ancora il suo stato primitivo e selvaggio, molti punti dell’isola risultano praticamente inaccessibili, il che non fa che accrescerne il suo carattere misterioso e incontaminato.  Secondo la teoria trapanese dell’Odissea elaborata da Samuel Butler, si pensa che Marettimo corrisponda all’antica Itaca di Ulisse. Ricca di storia e di leggende, famosa già ai tempi delle guerre puniche, presenta un complesso noto come le Case romane, base militare dei romani sull’isola.

Marettimo (foto di Lorenza Rallo©)

Sono poche le spiagge presenti sull’isola, causa della sua conformazione geomorfologica, ma sono degne di nota: la bellissima Cala Bianca, caratterizzata da una suggestiva conca; e  Praia dei Nacchi, a 20 minuti a piedi dal centro città, è una spiaggia di ciottoli, completamente in ombra nelle ore pomeridiane, dove è possibile godere di una fresca brezza marina.

Punta Troia, Marettimo (foto di Lorenza Rallo©) 

Ideale per gli amanti del trekking, attraverso sentieri sconnessi a circa 2 ore a piedi è possibile raggiungere una stupenda spiaggia di sassi alle pendici di Punta Troia, torre di avvistamento saracena a strapiombo sul mare, diventata simbolo dell’intera isola.

 

Escursione in barca 

Se ti trovi a Marettimo non puoi non concederti  tre ore in barca per esplorare le misteriose grotte che la costeggiano. Questo è stata senza dubbio l’esperienza più bella e intensa tra quelle vissute sull’isola.

Escursione in barca, Marettimo (foto di Lorenza Rallo©)

L’attrazione più affascinante di Marettimo sono le numerose grotte e insenature che delineano il perimetro dell’isola. Tra le più suggestive la Grotta del Tuono, nella quale dimorano stalattiti e stalagmiti dal fascino unico, e la Grotta del Cammello chiamata così per la stravagante forma di uno scoglio che si trova al suo interno.

 Escursione in barca, Marettimo (foto di Lorenza Rallo©)

Ma è Grotta Perciata ad avere conquistato il mio cuore, qui è possibile entrare da un punto ed uscire da un altro, attraversando l’intero incavo della grotta, dove la luce filtra appena e si è solamente circondati dalle rocce e dal mare intenso e profondo.

Andare in barca è come fare un viaggio nel tempo, lì è possibile scrutare zone incontaminate e scoprire il senso profondo della natura, che ti affascina in ogni sua manifestazione.

Escursione in barca, Marettimo (foto di Lorenza Rallo©)

Il sole che si specchia sugli scogli, il riflesso del mare limpido che fa emergere un fondale cristallino e il profumo del vento per un attimo riescono a farti dimenticare qualsiasi cosa e a pensare di voler vivere lì per sempre. In questo posto ho avuto la sensazione che, pur andando a piedi e avendo una connessione instabile, non mi sia mancato nulla, perché avevo tutto lì attorno a me, a portata di sguardo.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.