Rachid Khadiri Abdelmoula e i suoi fratellli

Da venditore ambulante ad ingegnere

Rachid: una storia
di Giorgio Castore

La Stampa dello scorso 28 marzo, in cronaca di Torino, riportava una storia che vale la pena condividere: la storia di Rachid, un racconto sulla volontà, forse anche sulla caparbietà, certamente sulla positività e sulla solidarietà.

Il suo protagonista, dal nome Rachid Khadiri Abdelmoula, giunge dal Marocco in Italia all’età di 11 anni. Un’infanzia non priva di diverse difficoltà che hanno spinto il ragazzo Rachid ad aiutare la famiglia svolgendo l’attività di venditore ambulante.

Alla fine del mese di marzo scorso un traguardo importante per lui: il conseguimento della laurea magistrale in ingegneria con una tesi su “gli effetti dei micro e nano materiali di carbonio nei composti cementizi”.

Un punto di arrivo, sì, ma soltanto una tappa nel cammino della vita, un cammino scandito dal metronomo del progresso “Vendo accendini e studio Ingegneria: che me ne faccio della popolarità del Grande Fratello?”. Idee chiare e grande determinazione: non il rifiuto monastico dalla notorietà, bensì una scelta consapevole basata su “valori”.

Abbiamo scelto di andare a ritroso nel tempo e rileggere, a distanza di cinque anni, le notizie ed i commenti della stampa quando Rachid conseguì la laurea triennale, sintetizzati nel filmato che segue, tratto da un telegiornale RAI.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.