Danza euritmica, foto di Universidad Católica de la Santísima Concepción, Cile, Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

La Casa della Salute dell’Anima (seconda parte)

Euritmia: comunicare con i movimenti del corpo
di Mario Attanasio

Nella puntata precedente, Ferdinand aveva affrontato la cura dei tre corpi: eterico, astrale e fisico. Ora era arrivato il momento dell'Euritmia.

- Avanti, forza Ferdinand, fai come me, passo dopo passo.

Lui cercava di seguirla nei suoi passi e nei movimenti delle braccia che dovevano passare una sfera di rame da una mano all’altra, sincronizzando le gambe che dovevano in alternanza fare due passi lunghi ed uno corto.

- Uno corto, un altro corto, uno lungo, uno corto, un altro corto, uno lungo…

Christiane era bravissima e riusciva a far compiere progressi anche ad uno come Ferdinand non proprio esemplare di abilità motoria. Ma piano piano riuscì a fargli fare dei progressi enormi ed alla fine della lezione era molto contenta dei suoi progressi.

- Ma Christiane, a cosa serve l’Euritmia?

- Ma dai! Che domande! Te lo ripeto per l’ultima volta, l’Euritmia è la manifestazione motoria del linguaggio, ad ogni movimento corrisponde un concetto verbale, è come se si comunicasse attraverso il movimento. Non solo, alcune sequenze di questi movimenti influenzano il corretto funzionamento dei nostri organi interni quali cuore, fegato, cervello ed altri. Si deve però praticare con continuità, non si può certamente sperare di fare tutto senza sforzi. All’Euritmia seguirono la Pittura, il Canto, la Scultura plastica, il Massaggio Ritmico, le Letture Antroposofiche, la Musica, il Ballo.

Tutto era così intenso che i giorni passavano veloci ed arrivò quasi senza accorgersene la fine della seconda settimana.

- Ferdinand, vuoi occuparti anche dell’anima?

Il dottor Gasperin gli rivolgeva questa domanda alla fine della visita di controllo finale.

- Vedi Ferdinand, il tuo corpo eterico e quello astrale stanno molto meglio di quando sei entrato qui due settimane fa, ma il tuo Io e la tua Anima possono ancor migliorare, però c’è bisogno di altre due settimane di esercizi.

- Come? Ancora due settimane? Siete impazziti?

- Beh, finora sei andato bene, ma non crederai che in così poco tempo si aggiusti tutta una vita.

Il ragionamento del dottor  Gasperin non faceva una piega.

Così, dopo aver organizzato i suoi impegni a casa, Ferdinand decise di passare lì altre due settimane per completare la cura.

(continua)

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.