https://www.dailycases.it/tag/guardia-costiera/

Essere un immigrato egiziano a Roma
di Baher Kamal
leggi in [eng]

ROMA, 28 set. 2017 (IPS) - "Gli chiesi: vuoi venire con noi in Grecia? Disse: ‘Perché no?’ Così mia moglie e io, fatte le valigie, ci dirigemmo verso Atene per aprire lì la nostra trattoria".
Mario * (63) e sua moglie Concetta * (57) hanno cominciato a raccontare la loro storia, aspettando che lo chef preparasse tre pizze e un piatto di spaghetti alla carbonara per questo tavolo di quattro turisti provenienti da quattro diversi paesi.
Quando Mario apprese che uno di loro, il giornalista, era nato a Il Cairo, disse: "Vieni con me", e lo portò in cucina. "Ecco il nostro campione".
Il "campione" è Mahmoud *, un giovane egiziano (29) che era arrivato in Italia sette anni prima ed aveva iniziato a lavorare come lavapiatti nella piccola trattoria di Mario e Concetta, nell'area di Trastevere, nel cuore di Roma.
Concetta disse "Mi aveva osservato cucinare tutto il tempo. E aveva imparato rapidamente come cucinare pizza, pasta ed ogni altro piatto".
"Sì, molto rapidamente e molto bene", aggiunse Mario, "e così abbiamo cominciato a contare su di lui quando avevamo molti clienti durante i fine settimana".

Pizza al taglio at Trastevere in Rome. Credit: Shoebill2. Public Domain

Concetta e Mario, Mahmoud ed io, il giornalista, siamo tutti tornati a Roma adesso. Loro mi hanno chiamato e ci siamo incontrati di nuovo. Dopo aver lasciato la Grecia a causa della crisi finanziaria che ha colpito tutto il mondo circa un decennio fa, hanno aperto un'altra trattoria. "Ora stiamo diventando vecchi e abbiamo chiesto a Mahmoud di gestire il nostro piccolo ristorante".
Mahmoud ha assunto un giovane migrante egiziano come lavapiatti e come assistente di cucina. La storia potrebbe ripetersi.
Mahmoud è solo uno delle centinaia di giovani immigrati egiziani a Roma che lavorano come chef in ristoranti tipici italiani. La loro pizza e la loro pasta sono molto apprezzati dai clienti locali, che di solito fanno i complimenti a proprietari e camerieri per i piatti gustosi.
Il "Giornalista" * Ahmad
Ma, con poche eccezioni, questi cuochi di pizze egiziane non sono cuochi ma solo migranti che hanno raggiunto Roma via mare con un visto di ingresso turistico o come parte di gruppi di migranti contrabbandati in Italia.
Uno di loro, Ahmad* (36), dice all'IPS che è venuto a Roma circa dieci anni fa come corrispondente per una rivista settimanale egiziana. "In realtà non sono un giornalista. Da amici, sono riuscito a ottenere una lettera di accreditamento da quella pubblicazione per facilitare le procedure di visto sempre più complesse".
"Ho conosciuto alcuni egiziani che lavoravano in ristoranti di Roma e che mi hanno aiutato a trovare un buon lavoro come cameriere con un contratto di lavoro che mi permette di rimanere qui legalmente".
"Naturalmente mi manca l'Egitto e la mia famiglia, ma la vita è diventata così difficile che il modo migliore per aiutarli è quello di risparmiare quanto più possibile dal mio salario e dalle mance generose e di inviare loro denaro".
Il clandestino Osman*
Lavorando in una trattoria alla periferia di Roma, Osman * (41) esita prima di dire all'IPS che era stato una vittima di contrabbandieri che lo hanno ingannato, chiedendo 3.000 dollari per portarlo in Europa. Riuscì a prendere in prestito 2.000 dollari e promise di pagare la restante quantità appena trovato un posto di lavoro.
"Mi hanno trattato peggio di un animale portato in un macello", ha detto Osman all’IPS. I contrabbandieri letteralmente "mi hanno caricato" con decine di altri egiziani su un camion in Libia.
"Da lì, dopo cinque settimane infinite, ci hanno caricato su un'imbarcazione per l'isola di Lampedusa" in Italia. Le organizzazioni umanitarie della società civile "ci hanno aiutato a trovare lavoro come raccoglitori di frutta".
Un caso di grande successo
Halim * (49) ha una storia diversa. È nato a Port Said, a nord-est del Cairo. L'Italia è una delle destinazioni principali per gli egiziani in Europa, e Halim è sbarcato qui nell'autunno del 1987, dopo aver fatto un regolare viaggio in nave a Napoli.
Si è messo immediatamente in contatto con gli altri nella comunità egiziana nella zona EUR di Roma. "Mio padre ha lavorato per undici lunghi anni come mano d'aiuto in un ristorante e poi si è avventurato nella creazione di una propria attività indipendente", ha detto a Laurent Vercken in un'intervista per IPS.
Halim è uno dei più di 100.000 migranti provenienti dall'Egitto che vivono in Italia. Come la maggior parte degli altri migranti egiziani, sceglie di rimanere qui piuttosto che tornare in patria. "Non ci sono opportunità di lavoro lì e preferisco lavorare lunghe ore nella cucina che mio padre ha messo su, che mi sta dando una vita migliore".
Quando il padre di Halim è scomparso dodici anni fa, egli ha assunto la responsabilità di occuparsi della sua intera famiglia.
È stato un lavoro molto duro, con poco tempo libero trascorso con i suoi cari. Halim ha scoperto ben presto che per mandare avanti un'impresa ci sono gravi trabocchetti, come affrontare la criminalità organizzata. Scoprì che negli anni suo padre aveva fatto molti pagamenti regolari non definiti.
Pochi giorni dopo la morte di suo padre, un paio di uomini vennero al ristorante, fingendo di comprare un po' di cibo. Ma dopo aver fatto le loro ordinazioni, lo costrinsero a fornire un pasto gratuito e hanno chiesto pagamenti in contanti anche in futuro.
Dopo aver contattato la stazione di polizia locale, ad Halim è stato consigliato di installare microcamere e microfoni all'interno del ristorante. "La polizia – disse – fu allora in grado di riconoscere i teppisti e scoprì una rete più ampia di gruppi locali di criminalità organizzata che stavano approfittando delle imprese di migranti".
Oggi, sembra più vecchio della sua vera età, ma forse è più forte che mai. Quando gli viene chiesto come si sente dopo tanti anni da migrante, risponde: "Provo a immaginare che se non riesco a sopravvivere ogni giorno, chi aiuterà la mia famiglia a sopravvivere?"
Bambini egiziani non accompagnati che migrano in Europa
L'anno scorso, l'Organizzazione Internazionale per la Migrazione (IOM) di Egitto ha lanciato il suo "Bambini migranti egiziani non accompagnati: uno studio di caso sulla migrazione irregolare", con lo scopo di far luce sulla migrazione irregolare dei bambini egiziani in Europa.
Sulla base delle interviste dello IOM in Egitto e in Grecia, la relazione ha esaminato le forze trainanti dei bambini non accompagnati che viaggiano irregolarmente dall'Egitto verso l'Europa e la loro vulnerabilità. Lo studio ha anche fornito approfondimenti sul modus operandi e le caratteristiche delle reti di contrabbando operanti dall'Egitto.
Più di un milione di migranti sono arrivati per mare in Europa nel 2015 e alcune stime suggeriscono che fino al 20% di loro sarebbero stati minori, secondo l'Agenzia delle migrazioni delle Nazioni Unite.
La relazione fornisce raccomandazioni riguardanti la prevenzione, la tutela, la prosecuzione e la collaborazione per lo sviluppo di una risposta multidisciplinare per affrontare la migrazione irregolare di bambini migranti non accompagnati.
"La relazione affronta il divario significativo delle informazioni sulla questione della migrazione irregolare dei bambini e viene in un momento in cui l'Egitto costituisce il Paese di trasmissione più alto dei bambini migranti non accompagnati in Europa. Stiamo lavorando a stretto contatto con il governo per sviluppare una risposta integrata e stiamo cercando il sostegno dei donatori", ha dichiarato Amr Taha, capo ufficio dell'IOM Egitto.
Dal 2011, la percentuale di bambini non accompagnati tra i migranti irregolari egiziani che raggiungono l'Europa è stata notevolmente elevata. Nel 2014, hanno rappresentato quasi la metà dei 4.095 migranti egiziani irregolari che arrivano in Italia. Nel 2015, l'Italia ha registrato l'arrivo di circa 1.711 bambini egiziani - più che da qualsiasi altro paese.
Migrazione che modella il Medio Oriente
La migrazione ha caratterizzato a lungo Medio Oriente e Nord Africa, con paesi della regione che rappresentano spesso punti di origine, di transito e di destinazione simultaneamente, afferma l'Agenzia delle migrazioni delle Nazioni Unite.
Le tendenze demografiche e socioeconomiche, i conflitti e, sempre più, i cambiamenti climatici sono tra la moltitudine dei fattori che influenzano la dinamica migratoria nella regione, spiega IOM.
Secondo l'IOM, il contesto migratorio in Medio Oriente e nel Nord Africa può essere ampiamente caratterizzato come consistente di modelli strettamente interrelati. Uno di questi è che la migrazione forzata e lo spostamento interno sono il risultato di "crisi multiple, acute e prolungate in tutta la regione, in particolare in Iraq, in Libia e nella Repubblica araba siriana".
La globalizzazione, il conflitto e l'instabilità, i differenziali dello sviluppo e il cambiamento climatico - crescente - sono tra la moltitudine di fattori che continuano ad influenzare le dinamiche della mobilità umana nella regione, afferma l'agenzia specializzata dell'ONU.

Domanda: Non sono tutti questi opera di modelli e fattori umani? Essendo così, ci si chiede se forse i governi non riescono a trovare una soluzione fatta dall'uomo che non sia costruire muri, bloccare confini e ad installare centri di detenzione.


---------------
* I nomi degli immigrati sono stati modificati per proteggere la loro identità.

Baher Kamal è Senior Advisor del Direttore Generale IPS in Africa e Medio Oriente. È un giornalista di origine egiziana, cittadino spagnolo, giornalista, con oltre 43 anni di esperienza. Fin dalla fine degli anni '70, si è specializzato in tutte le questioni relative allo sviluppo, oltre che alla politica internazionale. Inoltre ha lavorato come Esperto Senior dell'Informazione per il partenariato euro-mediterraneo presso la Commissione europea a Bruxelles e come Primo ufficiale di informazione e Portavoce del Piano d'azione mediterraneo dell'UNEP di Atene. Kamal parla spagnolo, arabo, inglese e italiano.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.