Scena tratta dal film Una Famiglia di Sebastiano Riso

6 film da non perdere

Settembre al cinema
di Lorenza Rallo

L'estate sta finendo ma di certo non la voglia di andare al cinema. Settembre è il mese dei rientri ed è iniziato in modo scoppiettante con tante prime visioni da non perdere molte delle quali sono state proiettate in anteprima alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia.



Cominciamo con In Dubious Battle – Il coraggio degli ultimi, al cinema già dal 7 settembre. Il film diretto da James Franco e interpretato da grandi nomi del cinema come Vincent D'onofrio, Robert Duvall ed Ed Harris, è l'adattamento di un romanzo di Steinbeck. Il regista attore non è nuovo agli adattamenti letterari per i suoi film, infatti precedentemente, si era ispirato anche ad opere di Faulkner e McCarthy.



Dall'8 settembre
è al cinema Il colore nascosto delle cose, presentato Fuori concorso alla Mostra del cinema di Venezia. Il film di Soldini vanta tra gli interpreti Valeria Golino, Adriano Giannini e racconta la storia d'amore tra un pubblicitario e una donna non vedente. A Venezia il film sarà proiettato in anteprima al pubblico il 7 settembre alle 22:30 presso la Sala Grande, ma anche l'8 settembre alle 18 presso il PalaBiennale.



Per gli amanti del brivido il 14 settembre arriva al cinema Latherface, il prequel di Non aprite quella porta. Il film racconta le origini e la trasformazione di Faccia di cuoio. La regia del film è stata affidata a Julien Maury e Alexandre Bustillo, tra gli interpreti Lili Taylor e Stephen Dorff.



Sophia Coppola
torna sul grande schermo con L'inganno, premiato al Festival di Cannes. Il film, in programmazione nelle sale dal 21 settembre, presenta un cast d'eccezione con Colin Farrell, Nicole Kidman, Kirsten Dust e Elle Fanning. Il film è il remake di La notte brava del soldato Jonathan, rivisitato con lo stile Coppola ha tutte le carte in regola per essere una versione accattivante e che sicuramente non lascerà indifferente il grande pubblico.
Micaela Ramazzotti è la protagonista di Una famiglia, diretto da Sebastiano Riso e al cinema dal 28 settembre. Il film è stato presentato nella sezione In concorso alla Mostra del cinema di Venezia e racconta il desiderio di maternità di una donna e la sua voglia di creare una famiglia. A Venezia il film è stato proiettato al pubblico il 4 e il 5 settembre.



Si parla di madri anche nell'ultimo film di Darren Aronofsky, Madre!. Jennifer Lawrence e Javier Bardem dovranno affrontare un gruppo di ospiti che metteranno a repentaglio la propria relazione amorosa. La pellicola riproduce un'atmosfera inquietante e psicologicamente sinistra molto cara al regista. Il film presente tra i film in concorso alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia è stato proiettato in anteprima il 5 settembre alle 19:30 presso la Sala Grande, andando in replica lo stesso giorno presso il PalaBiennale. È possibile assistere alla proiezione del film anche nella rassegna Esterno Notte, mercoledì 6 settembre presso la Multisala Rossini 1 di Venezia e all'IMG Cinemas Candiani sala 1 di Mestre, entrambe le proiezioni saranno alle ore 18.30.
Per maggiori informazioni sulle proiezioni riservate al pubblico dei film in uscita è possibile consultare il programma della 74esima Mostra internazionale del Cinema di Venezia e della rassegna Esterno Notte. Inoltre, anche il sito MyMovies.it mette a disposizione dei propri utenti la possibilità di vedere i film della Mostra in streaming, con il pagamento di un abbonamento di 17,95 euro.

Buona visione!

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.