Nonna con bambino, Creative commons

Generazioni a confronto

Nonno, raccontami una favola
di Luisanna Tuti

Da anni ormai si parla di nonni come risorsa inestimabile per i nipotini a loro affidati, mentre i genitori vanno al lavoro. E' documentato che il 33% delle famiglie italiane li ritiene degli indispensabili punti di riferimento per i loro figli.
Mentre in Svezia ed in Danimarca, considerata l'organizzazione governativa dedicata all'infanzia, questa dinamica è presente rispettivamente solo nel 2,9% e nell'1,6% dei casi, nel nostro Paese, al di là dei forti legami che uniscono le famiglie, la necessità di “utilizzare” i nonni è dettata anche dalla forte instabilità economica delle nuove generazioni. Una “tata” che curi i piccoli è un lusso che pochi si possono permettere e gli asili nido sono pochi e costosi, con orari spesso non adeguati alle necessità professionali dei genitori.
L'importanza della figura dei nonni nella vita dei bimbi è continuamente evidenziata da tutti gli psicologi che seguitano a ripetere quanta tranquillità e sicurezza questi riescano a trasmettere ai bambini con la loro disponibilità di tempo e il loro amore infinito. Gli anziani, depositari di cultura e saggezza, accumulata nella loro vita, in un passato tanto diverso dalla realtà attuale, con le loro favole e storie - più o meno vere - riempiono le giornate dei teneri ascoltatori, affascinati da quei racconti, mentre passeggiano ai giardinetti per mano del loro grande “nonno” o giocando con il cagnolino della nonna.
A Piacenza, facendo tesoro di questi preziosi rapporti, è stato lanciato il progetto “educazione intergenerazionale” che mescola bimbi dall'asilo nido fino ai quattro anni, con 80 anziani, in un centro a loro dedicato. Qui, in mattinata e primo pomeriggio, si uniscono 40 bimbi che condividono con loro, in perfetta armonia, spazi e giochi: cucina, letture, giocattoli.
Gli anziani riscoprono il piacere del gioco in un ambiente gioioso e vitale, che risveglia in loro la certezza di essere ancora utili, allontanando il pensiero dell'età, spesso motivo di tristezza e depressione per chi sente di non aver più nulla da dare.
Stare al passo con quei “diavoletti” è una scarica di entusiasmo, una palestra che tiene attivi muscoli e cervello, obbligandoli ad essere dinamici e spensierati, calandosi nel mondo di oggi, piuttosto che rifugiarsi nei ricordi di ieri.
Anche per i piccoli è un'esperienza unica e piacevole.
I bimbi si affezionano a quegli amichetti e, spesso, incontrandoli per la strada, obbligano i genitori a fermarsi e scambiare convenevoli come si fa normalmente tra vecchi amici di famiglia.
Umanamente è una esperienza molto educativa poiché, fin da piccoli, i bambini vengono abituati a prendere confidenza con bastoni da passeggio o deambulatori, guardandoli, non più con timore o distacco, bensì come normali accessori di un'altra età.
Queste strutture favoriscono il  dialogo tra generazioni, mantenendo  attivo lo scambio di solidarietà tra persone di età, cultura ed educazione differenti.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.