Revere: Mulino Natante. Cortesia dell’autore

Revere
di Luisanna Tuti

Il suo nome deriva dal latino Riperium, isola sulle sponde del fiume Po. E' un comune di circa 2.600 abitanti in provincia di Mantova.
Un tempo era proprio un'isola sulle paludi del fiume che scorreva libero tra i dossi che affioravano dall'acqua. Nel 1125 i Modenesi ed i Reggiani, intuendo i vantaggi economici derivanti dai dazi pagati da coloro che percorrevano il Po, decisero di costruire un fortilizio. Nel 1163 i Mantovani, anch'essi attratti dal denaro che ne potevano trarre, con l'aiuto dei Bresciani, lo attaccarono e se ne impossessarono. Rafforzarono la fortificazione con sette torri e la occuparono fino al 1332, anno in cui i vescovi mantovani affidarono la guida della città a Luigi Gonzaga. Questo distribuì le terre ai contadini, purché le bonificassero e fece erigere un castello nella fortezza. Nel 1440 a Luca Fancelli fu affidata la trasformazione del Castello nel maestoso Palazzo Ducale che ancora oggi possiamo ammirare.Revere. Cortesia dell’autore
Data la posizione strategica di Revere, nel tempo questa subì molte invasioni e vari governi, fino a far parte del regno Lombardo-Veneto con Vienna capitale. Nel 1866 passò poi al Regno d'Italia.
Proprio nel Palazzo Ducale ha sede l'Associazione Italiana Amici dei Mulini Storici (AIAMS) che si propone di realizzare un centro di documentazione sugli antichi mulini esistenti su tutto il territorio italiano. Infatti un elemento caratteristico del paesaggio è il Mulino Natante, un mulino galleggiante, appendice esterna naturale del Museo del Po. Questo era un riferimento della vita sociale ed economica tra la fine dell' '800 ed i primi del '900. Perfettamente funzionante, fa parte dei 300 mulini esistenti sul fiume nel tratto Cremona-foce. Adiacente al mulino troviamo il Fontinalia Museum, Museo del PO, che raccoglie dipinti, fotografie, disegni del significato che gli uomini hanno attribuito all'elemento acqua: manifestazione del sacro; fonte della salute, del benessere, della seduzione, del mistero, della passione.
Passeggiando per le strade di Revere, incontriamo anche la straordinaria Chiesa carmelitana della Beata Vergine Annunziata, un costruzione in stile tardo-barocco fatta erigere tra il 1750 ed il 1775 sulla vecchia chiesa del 1472 voluta dai Carmelitani dell'epoca.
Gioviali ed ospitali gli abitanti si prodigano affinché il turista si senta sempre a proprio agio, mostrando con orgoglio le bellezze naturali che la natura ha offerto loro, collocando la città sull'argine del fiume che rende estremamente romantico il paesaggio circostante. Anche la cucina è basata sui prodotti del fiume con zuppe di pesce e arrosti accompagnati da polenta e cereali coltivati nella pianura che accompagna il corso del Po.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.