Mauna Loa Observatory, Hawaii By Ivtorov - Own work, CC BY-SA 4.0

Cresce la concentrazione di CO2 nell’atmosfera della Terra

Cambiamento climatico: superata un'ennesima soglia
Chris Mooney (*)

Read in English

Per la prima volta da quando gli esseri umani stanno monitorando, le concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica hanno superato le 410 parti per milione medie su un mese intero, una soglia che spinge il pianeta sempre più vicino al riscaldamento oltre i livelli che gli scienziati e la comunità internazionale hanno ritenuto "sicuri".

 L’Osservatorio Mauna Loa alle Hawaii rileva che le concentrazioni del gas del riscaldamento climatico hanno superato in aprile la media di 410 parti per milione (ppm). Il primo superamento in assoluto del 410 si è verificato il 18 aprile 2017, circa un anno fa.

 Le concentrazioni di anidride carbonica - il cui effetto serra intrappola il calore e causa il cambiamento climatico - erano intorno a 280 parti per milione nel 1880, agli albori della rivoluzione industriale. Ora sono il 46 percento più alte.

Recent CO2 measurements at Mauna Loa Observatory in Hawaii. (Scripps Institution of Oceanography)

Come potete vedere nel famoso grafico "curva a denti di sega", più formalmente conosciuto come la curva di Keeling, le concentrazioni si sono innescate verso l'alto in una progressione ininterrotta per molti decenni. Ma vanno anche su e giù con un ciclo annuale causato dagli andamenti e dalla stagionalità della crescita delle piante in tutto il pianeta.

 Il tasso di crescita è di circa 2,5 parti per milione all'anno, ha affermato Ralph Keeling, che dirige il programma CO2 presso l'Istituto di Oceanografia Scripps, che monitora le letture. Il tasso è in aumento, con il decennio del 2010 in accelerazione rispetto agli anni 2000.

 "È un'altra pietra miliare della crescita del CO2 nel tempo", ha detto Keeling delle nuove misurazioni. "Ci avvicina ad alcuni limiti che non vorremmo raggiungere, come il superamento di 450 o 500 ppm. È un territorio decisamente pericoloso."

 "Come scienziato, quello che mi preoccupa di più non è che abbiamo superato l'ennesima soglia del numero tondo, ma ciò che questo aumento in realtà significa: stiamo continuando a tutta velocità con un esperimento senza precedenti con il nostro pianeta, l'unica casa che abbiamo", ha detto Katharine Hayhoe, scienziata del clima presso la Texas Tech University.

I livelli di anidride carbonica del pianeta sono stati allo stesso livello o addirittura i più alti nel passato - ma è stato molto tempo fa. Gli scienziati sono preoccupati che la velocità del cambiamento ora sia molto più alta di quella a cui la Terra è stata abituata in passato.

 Anche nel periodo caldo del medio-Pliocene, più di 3 milioni di anni fa, c’erano circa 400 parti per milione - ma sappiamo che il livello del mare sulla Terra che era 20 metri più alto, o anche di più, e il pianeta era ancora più caldo di adesso.

 Come riportato da un recente rapporto federale sulla scienza del clima (co-autore Hahyoe), le 400 parti per milione di biossido di carbonio nel Pliocene "sono state sostenute per lunghi periodi di tempo, mentre oggi la concentrazione globale di CO2 sta aumentando rapidamente". In altre parole lo sviluppo della Terra verso condizioni simili a quelle del Pliocene potrebbe verificarsi nei prossimi decenni e secoli.

 Ancora prima, nell'era del Miocene tra 14 milioni e 23 milioni di anni fa, si ritiene che le concentrazioni di biossido di carbonio nell'atmosfera abbiano raggiunto le 500 parti per milione. L'Antartide perse quindi decine di metri di ghiaccio, probabilmente corrispondenti ad un innalzamento del livello del mare dell’ordine di quello nel Pliocene.

 Più indietro ancora, al confine tra Eocene e Oligocene circa 34 milioni di anni fa, si ritiene che in Antartide non ci fosse alcun ghiaccio, con concentrazioni di biossido di carbonio atmosferico di 750 parti per milione.

 Questi dati ci aiutano a dimostrare perché gli scienziati credono che le temperature planetarie, i livelli del mare e i livelli di anidride carbonica tendano tutti a salire e cadere insieme - e quindi, perché la Terra ora sta tornando verso un periodo come quello del medio-Pliocene o addirittura, forse, del Miocene, se proseguono gli sviluppi attuali.

 Keeling ha detto che il pianeta, attualmente a 1 grado Celsius (1,8 gradi Fahrenheit) sopra i livelli preindustriali, probabilmente non è ancora destinato ad un riscaldamento di 1,5 o 2 gradi, ma si sta avvicinando sempre più - in particolare al 1,5 gradi. "Non abbiamo molto margine", ha detto.

 "Non sarà nemmeno una svolta improvvisa ", continua Keeling. "Ci stiamo solo entrando sempre più profondamente”.

(*) Chris Mooney è un esperto di cambiamenti climatici, energia e ambiente. Ha scritto sui negoziati sul clima di Parigi del 2015, del Passaggio a Nord-ovest e della calotta glaciale della Groenlandia, tra le altre locations, e ha scritto quattro libri su scienza, politica e cambiamenti climatici.   Segui @chriscmooney

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.