La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La parola della settimana è inceneritóre o anche termovalorizzatore, ossia, un impianto in cui avviene la distruzione, mediante combustione, generalmente di rifiuti solidi urbani o di fanghi industriali.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Qual è il vero significato della parola informazione? Eppure in questo ultimo periodo sta assumendo un significato determinante per lo scontro politico in atto tra la maggioranza gialloverde e le altre forze politiche.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Il termine prescrizione è legato alla vigenza o meno di un diritto, al rispetto o meno di un termine temporale e così via, nel nostro articolo ne verrà analizzata la declinazione giuridica intesa come  possibile estinzione di un diritto.

 

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La parola scelta questa settimana è acronimo, che non possiede un significato negativo, ma nell'uso comune rappresenta il vocabolo che risulta dalla pronuncia di una sigla.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Tunnel: si tratta di una di quelle parole che appaiono e scompaiono nella dialettica e nella cronaca, un po’ come l’immagine che evocano.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La parola presa in esame questa settimana è provocazione, che significa «invito alla lotta, sfida al combattimento o a un duello», anche «appello a un giudice superiore» secondo il diritto romano

Stampa

Leggi tutto...

La Parola della settimana

di Roberto Mostarda

La parola di questa settimana è Ponte, dopo la tragedia di Genova acquisisce un'accezione particolare, oltre ai consueti significati pratici e politici.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La radice della parola azzardo viene dall’arabo az-zahr che indica il dado. Ossia l’oggetto stesso della sfida, dell’azzardo. Allo stesso tempo si intende con essa il rischio, il cimento, ossia fronteggiare e misurarsi con qualche cosa. 

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La parola della settimana proposta nel titolo ed analizzata in questo articolo si estende in un variegato ventaglio di proposte, che si rispecchiano nella “nuova” conduzione della politica

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

L’attuale azione del governo dovrebbe portare al tanto conclamato cambiamento di passo in un'azione a favore del paese in tutte le sue espressioni e non la “criminalizzazione” ora di questo ora di quello, anche in termini sociali

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Manutenzióne, deriva dalla parola latino medioevale manu tenere, in cui è evidente il significato, tenere con la mano, in mano ovvero agire in modo da proteggere, conservare, curare l’oggetto al quale si fa riferimento.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Spread, parola di origine inglese, indica nel linguaggio finanziario la differenza tra i livelli di quotazione di un titolo o fra tassi di interesse.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda
Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Quanto avvenuto a Genova costringe ad una seria riflessione sull'istituto della concessione, per poter dirimere criticità e consentire al potere statale un vero impegno regolatore. 

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La parola scelta questa settimana, insieme al caldo torrido dell’estate, riporta alla mente lugubri ricordi di quella che fu l’Unione Sovietica e la sua politica illiberale, con tutte le sovente tragiche conseguenze sociali.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Per comprendere con semplicità il significato di questo vocabolo basta rifarsi alla grammatica: un termine composto di sun (con) e tonos (toni), soprattutto in campo musicale.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Tra i termini che esprimono la situazione politica del nostro paese vi è sicuramente Rispetto. In questo caso ci riferiamo al repentino cambio della guardia ai vertici della casa automobilistica Fca e alla umana vicenda del suo ormai ex amministratore delegato

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Il complotto indica la cospirazione, la congiura, l’intrigo ai danni delle autorità costituite o di persone private nei confronti di organismi pubblici.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Il concetto di governo viene sottoposto a diverse riletture e si manifesta in modi non consueti e per questo meritevoli di analisi alla luce delle norme generali dell’ordinamento.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

 Nell’analisi costituzionale e politica il vocabolo regime ha un valore pressoché neutro con il quale si possono classificare situazioni differenti.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La parola della settimana è "Soccorso": nel clima politico e sociale della migrazione questa parola chiede di essere ascoltata e valorizzata. 

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La parola di questa settimana è alibi, che indica una prova giuridica di estraneità riguardo alla commissione di un reato, e più in generale un affrancamento dalle responsabilità. 

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La parola scelta questa settimana è tèst, che indica il gesto di fare una prova, un saggio o un esperimento. Per altro verso indica anche il mezzo o criterio di prova, di analisi e di valutazione.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

I primi passi del nuovo governo, nato dopo tese giornate, si sono svolti all’insegna dei riferimenti al “popolo”.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Per la seconda volta il leader del Movimento 5 Stelle Di Maio chiede  la messa in stato di accusa del Presidente della Repubblica. Vediamo cosa è previsto dal nostro ordinamento.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Contratto è di sicuro tra le parole che stanno segnando questa fase politica e sociale, tanto che i leader dei partiti che stanno cercando di formare il nuovo governo ne fanno uso anche pedagogico...

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Il notaio è un pubblico ufficiale che ha la funzione di ricevere gli atti tra vivi e di ultima volontà, attribuire loro pubblica fede, conservarne il deposito, rilasciarne copie, certificati ed estratti: riveste la volontà delle parti di forza autentica e talora anche esecutiva.

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

Dalla responsabilità all'interno dei gruppi alla responsabilità di diritto: una parola che presuppone la presa in carico. 

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

di Roberto Mostarda

La condizione di stallo in cui si trova la procedura di incarico del nuovo premier comporta il rischio che il paese resti in un limbo che potrebbe pregiudicare la pur timida ripresa sociale e politica

Stampa

Leggi tutto...

La parola della settimana

Sembra ancora attuale tornare a quei semplici appassionati elementi di liberazione che costituiscono i pilastri della nostra democrazia, liberandoci da orpelli, facilonerie, furbizie!

Stampa

Leggi tutto...

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.