Libri: la recensione breve di Valerio Calzolaio

Il diritto di migrare
Il diritto di migrare di Catherine Wihtol de Wenden. Edizione Ediesse

Autore:
Catherine Wihtol
de Wenden
Titolo:
Il diritto di migrare
Editore:
Ediesse
Pagine: 78
Prezzo: 8,00 €
Traduz.
Elena Leoparco

Pianeta Terra. Da qualche centinaio d’anni e, formalmente, dal 1948. La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo riconosce a ciascuno un diritto di muoversi e migrare interno e un diritto di emigrare all’estero, sottoponendosi alle regole di chi accoglie l’immigrato, ed eventualmente di tornare nel proprio paese. L’esperta politologa francese Catherine Wihtol de Wenden da quasi 30 anni studia, scrive, discute in merito alle dinamiche istituzionali dei flussi migratori e consegna oggi un agile utile volumetto su “Il diritto di migrare”. Anche lei segnala come ormai i migranti ambientali siano più dei profughi politici. Forse sarebbe da valutare l’idea di distinguere un “diritto di restare” (violato per i palestinesi e i perseguitati in cerca d’asilo) e la libertà di migrare (il diritto chiama in causa una capacità migratoria difficile da garantire nel tempo e nello spazio).

v.c.

 

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.