Libri: la recensione breve di Valerio Calzolaio

Albert Savarus
Copertina: Albert Savarus di Honoré de Balzac

Autore:
Honoré de Balzac
Titolo:
Albert Savarus
Editore:
Sellerio 2017
Pagine: 231
Prezzo: € 13,00
Traduzione:
Francesco Monciatti
Note, postfazione
e cura:
Pierluigi Pellini

Besançon, Borgogna-Franca contea. 1834-1842. Rosalie va verso i 18 anni e ha un carattere di ferro, figlia dell’ossuta bigotta giovane Clotilde (ereditiera della celebre famiglia de Rupt) e del gentiluomo svizzero signor de Watteville. La madre la promette in sposa, ma lei s’innamora dell’ambizioso avvocato che ha un passato misterioso e si trasferisce in città dopo aver vinto un importante processo per preparare la propria carriera politica. Il fatto è che lui sta scrivendo un racconto e lei capisce che stravede per un’aristocratica italiana, Francesca Soderini, sperando che resti vedova. Rosalie trama, gestisce le lettere, macchina crudelmente per separare i due. In vario modo ne soffriranno tutti. Finalmente arriva in libreria la prima traduzione italiana di “Albert Savarus”, bel roman-feuilleton (uscito a puntate sul Siècle) di Honoré de Balzac (1799-1850), in parte ispirato alla sua storia con Madame Hanska. Lui considerava proprio la letteratura strumento di ascesa sociale.

v.c.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.