Proposte culturali

Museo del santuario di Polsi
di Silvio Rubens Vivone

E’ stato inaugurato a San Luca (Reggio Calabria), alla presenza di Sua Eccellenza mons. Francesco Oliva, vescovo della diocesi di Locri-Gerace e abate del santuario di PolsiFoto: Giulio Archinà_9505. Cortesia dell’autore., a numerosi rappresentanti del mondo politico, civile, militare e istituzionale e ad alti esponenti del MiBACT fra i quali Salvatore Patamia, responsabile del segretariato regionale della Calabria; Margherita Eichberg, soprintendente belle arti e paesaggio della Calabria; Carmen Genovese, Roberta Filocamo (Progettiste e D.L.) e  Faustino Nigrelli, funzionario storico dell’arte e responsabile di zona, il museo del santuario di Polsi.
Grande l’emozione suscitata nella cittadina ricadente nel cuore dell’Aspromonte che ha accolto l’evento con entusiasmo e grande partecipazione.
Fra le opere più rappresentative custodite nel museo segnaliamo: paramenti sacri donati al santuario dalle famiglie Carafa e Pignatelli; pisside a forma di cuore; copia della Icona della Madonna della Lettera patrona di Messina; corone in oro del 1881 utilizzate per le 4 incoronazioni.
Salvatore Patamia ritiene che la nascita di questa nuova struttura fortificherà ancora di più la proposta culturale che offre la provincia reggina. Questo museo, insieme alle altre strutture museali, farà di questo territorio un polo culturale d’eccellenza capace di catalizzare l’attenzione di tutto il mondo dell’arte.
San Luca (Reggio Calabria), 16 settembre 2015

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.