Premio Archivio Disarmo

Colombe d’oro per la pace 2015

Mercoledì 10 giugno al Maxxi di Roma assegnazione del Premio Archivio Disarmo Colombe d'Oro per la pace 2015, giunto alla XXXI edizione.
Luca Zingaretti consegna la Colomba d'Oro internazionale a Philip Lymbery e legge all'impronta Farmageddon.
Premiati i giornalisti Laura Silvia Battaglia, Giampaolo Cadalanu e Corrado Formigli, a Emiliano Abramo il premio speciale della Giuria
Sarà il popolare attore Luca Zingaretti, già insignito della Colomba d'Oro nel 2002 (insieme alla giornalista Margherita d'Amico, per il documentario Gulu-Una guerra dimenticata) a consegnare, mercoledì 10 giugno presso il Maxxi di Roma, la Colomba d'Oro internazionale 2015 attribuita dall'Archivio Disarmo a Philip Lymbery, direttore generale della ong Ciwf-Compassion in world farming. Ciwf si occupa di contrastare in ogni continente il metodo di allevamento intensivo, responsabile di fondamentali ingiustizie verso i paesi poveri nell'accesso al cibo e alle risorse, nonché di depauperazione e distruzione degli habitat, attentati alla salute umana e grande sofferenza animale.
Tale dilagante sistema e le sue conseguenze sono magistralmente raccontati da Lymbery nel libro-reportage Farmageddon, di cui Zingaretti leggerà all'impronta un brano.
"Sono onorato e commosso nel ricevere la Colomba d'oro per la pace. Oggi domina un sistema che uccide i piccoli imprenditori e reclude gli animali in gabbie, ammassati e confinati all'interno di capannoni, mentre incombe una nuova ondata di industrializzazione che condurrà a un'ulteriore riduzione dei territori agricoli, un incremento delle malattie, cibo non sano, aumentando al contempo fame nel mondo e ingiustizia nell'accesso alle risorse" commenta Lymbery, fra i cui predecessori, negli oltre trent'anni di assegnazione del prestigioso riconoscimento, figurano anche Michail Gorbaciov, Hans Blix, Daniel Barenboim, Jane Goodall e il cardinale Roger Etchegaray.
Vincitori del Premio giornalistico Archivio Disarmo-Colombe d'Oro per la Pace 2015 sono poi Laura Silvia Battaglia, giornalista freelance che da anni opera come documentarista e reporter in zone dilaniate dai conflitti; Giampaolo Cadalanu, che per la Repubblica ha seguito con competenza e sensibilità i principali conflitti in Medio Oriente e in Africa, Corrado Formigli de La7 che, con lo staff di Piazza Pulita, arricchisce il dibattito politico e culturale italiano grazie a un tenace lavoro di inchiesta e di approfondimento. La Giuria ha inoltre assegnato un Premio Speciale a Emiliano Abramo, presidente della Comunità di Sant'Egidio-Sicilia Onlus, da anni in prima linea per l'accoglienza ai migranti e ai profughi sbarcati in questi anni a Lampedusa e a Porto Empedocle.
La Giuria è formata da Fabrizio Battistelli, Giorgio Bertinelli, Riccardo Iacona, Dacia Maraini, Andrea Riccardi e Tana de Zulueta. Ha commentato il presidente dell'Archivio Disarmo Battistelli: “L’obiettivo del Premio è chiaro: tenere desta l’attenzione dei cittadini sulla pace dentro e fuori i nostri confini. Ciò è possibile conoscendo i conflitti e trovando soluzioni eque in grado di conciliare il massimo dei diritti delle parti in causa”
L'Archivio Disarmo organizza il Premio con il sostegno delle Cooperative aderenti a LEGACOOP.
Ufficio stampa: +39-0636000343; +39-347-0832353; +39-347.1368562

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.