Casa Argentina. Cortesia dell’autore

A Roma il 25 e 26 febbraio

Migrazioni, due eventi interessanti
di GoffredoPalmerini

ROMA – Il 25 febbraio a Roma, presso Casa Argentina, in Via Veneto 7, si tiene la Giornata delle Culture migranti tra Italia e Argentina, prima edizione d’un evento che nella stessa data sarà celebrato ogni anno. Una riflessione a più voci sul patrimonio culturale consolidatosi in due secoli di migrazioni tra l’Italia ed il grande Paese latino americano, il più italiano del mondo per cultura ed entità degli italici in seno alla sua popolazione. “Il giorno di Stefano”, questo il titolo della manifestazione, è promosso ed organizzato dall’omonima Associazione culturale presieduta da Marina Rivera. Il nome metaforico della Giornata nasce dal romanzo “Stefano” della scrittrice argentina Maria Teresa Andruetto che narra le difficoltà vissute da un ragazzo italiano costretto ad emigrare in Argentina. Il romanzo sarà presto nelle librerie, tradotto in italiano da Mondadori, con il titolo “Il viaggio di Stefano”.
Ricco di spunti e sinestesie il programma della manifestazione, che prende avvio alle ore 18 con il saluto dell’Addetto Culturale dell’Ambasciata d’Argentina, Federico Gonzalez Perini, e con la presentazione delle organizzatrici Marina Rivera e Cristina Blake (Associazione Culturale “Il giorno di Stefano”). Alle 18:15 segue un breve video di Maria Teresa Andruetto e letture in spagnolo di brani tratti dal libro “Stefano”; alle 18:30 “Italia, andata e ritorno. La traduzione del viaggio di Stefano” a cura di Ilide Carmignani, introduce Simona Cives (Comune di Roma), e reading di brani del libro “Il viaggio di Stefano”; alle 19:00 la Tavola rotonda “Culture migranti tra Italia ed Argentina. Narrazioni e immagini”, introdotta e coordinata da Virginia Sciutto (Università del Salento), con gli interventi di Goffredo Palmerini, giornalista e scrittore, Maria Rosaria Stabili (Università Roma Tre) e Claudia Zaccai (Università di Roma La Sapienza); alle 19:40 “Culture migranti tra Italia e Argentina. Voci e Musica”, con un concerto dell’Artificio Vocal Ensemble, diretto dal M° Alberto De Sanctis.
La Sapienza. Focus sui libri sull’emigrazione.Il 26 febbraio, alle ore 17, presso la Sapienza Università di Roma (Facoltà di Lettere e Filosofia, Aula A Dipartimento di Storia, 2° Piano), organizzato dai docenti Flavia Cristaldi e Stefano Pelaggi, si svolge l’interessante focus “Voci d’Autore. Sei volumi per le Migrazioni”, la presentazione incrociata di sei libri sulle migrazioni, nel senso che ciascun autore presenta il volume di un altro. Una kermesse che permette di aprire più finestre di riflessione sui temi dell’emigrazione e dell’immigrazione. L’evento si apre con il saluto dell’Ateneo, affidato al Prorettore Antonello Biagini, e al direttore del Dipartimento Paolo Di Giovine. Queste che seguono le pubblicazioni e i corrispondenti Autori (o curatori), mentre resta la sorpresa di conoscere al momento chi autore presenterà che cosa: Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo (Tiziana Grassi), Rapporto Italiani nel Mondo (Delfina Licata), Andarsene sognando (Eugenio Marino), E andarono per mar a piantar vigneti. Gli italiani nel Rio Grande do Sul (Flavia Cristaldi), Emigrazione e colonialismo in America Latina (Stefano Pelaggi), Percorsi migratori della contemporaneità (Silvia Aru, Andrea Corsale, Marcello Tanca). Lo sguardo di Autori prestigiosi su un così ampio campo di trattazione non mancherà di stimolare interessi ed approfondimenti in tema di migrazioni. Chi scrive è chiamato a coordinare gli interventi di presentazione e il dibattito con il pubblico.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.