Da sinistra: Donald Trump, Jeb Bush, Hilary Clinton e Bernie Sanders candidati alle primarie per le presidenziali USA. Foto: Gage Skidmore per Trump, Michael Vadon 16 per Bush, di pubblico dominio per Clinton e Sanders.

Il doloroso declino della democrazia
di Roberto Savio *

Col permesso dell'Autore e dell'Editore pubblichiamo questo articolo, già pubblicato su OtherNews http://www.other-net.info/

ROMA, ottobre 2015. L'ultimo studio completo del World Values Survey sulla forza della democrazia nel 2015 riporta dati molto preoccupanti. Tuttavia, è stato totalmente ignorato, fatta eccezione per il New York Times, che ha pubblicato un servizio speciale.
Secondo l'istituzione autorizzata che ha grande prestigio all'interno delle Nazioni Unite, negli Stati Uniti il numero di cittadini che approvano la legge che legalizza il possesso di armi da fuoco, è passato da uno ogni 15 nel 1995, ad uno su sei nel 2015.
Mentre tra i nati prima della seconda guerra mondiale, un solido 72 per cento assegnò a vivere in una democrazia il valore più alto, mentre per i nati dopo il 1980 la cifra è scesa a meno del 30 per cento, leggermente inferiore al parere del 32 per cento degli europei nati anche dopo il 1980.
La proporzione è ancora più piccola in Europa orientale, dove raggiunge solo il 24 per cento. In questa regione, le preoccupazioni principali sono il livello di reddito, un lavoro sicuro e la possibilità del pensionamento, ben più importanti rispetto al tipo di regime sotto il quale vivere.
Per questo, naturalmente c'è una spiegazione generazionale. La democrazia è stata una vittoria, un tesoro per costruire, per chi ha vissuto gli orrori della seconda guerra mondiale. La generazione più giovane ha solo un'idea intellettuale di ciò che significa vivere sotto una dittatura, non è una esperienza di vita. Come disse Altiero Spinelli, ora tutti dormono senza il timore di essere svegliati di notte.
Ma il dibattito è molto più complesso. Si accetta come una verità indiscutibile che una volta che un paese diventa democratico, un sistema alternativo di governo non è possibile, perché i cittadini vedono la democrazia come l'unica forma legittima di governo.
La democrazia e la crescita economica e sociale vanno di paro passo. La teoria era che quando la Cina avesse una classe media consistente, necessariamente sarebbe entrata in un sistema multipartitico.
Vi è ora una crescente corrente di pensiero sulle carenze e inefficienze della democrazia. Nel tempo del governo militare cileno, periodicamente spuntava chi sottolineava i vantaggi del "modello cileno" e ora lo fa sul "modello cinese", molto più efficace e produttivo dell'oneroso processo che richiede la democrazia.
Nella stessa Europa, abbiamo l'ungherese Viktor Orban, primo ministro di un paese ex comunista, che dichiara pubblicamente la sua critica all’obsolescenza della democrazia parlamentare. E Orban è stato scelto liberamente alle urne.
La Russia è il caso più stridente. Putin, che è il modello supremo di autocrazia, ha il supporto popolare di circa l'80 per cento. Da quanto riportato, i leader dell’estrema destra in Europa, come ad esempio la francese Marine Le Pen o l'italiano Matteo Salvini, guardano a Putin come un modello e lo affermano pubblicamente.
E’ tempo di riflettere sulle cause del declino di credibilità delle istituzioni politiche. E’ solo un problema generazionale o, invece è la legittimità del sistema politico sempre più messa in discussione?
Quando si osserva il costo della campagna presidenziale negli Stati Uniti, che è di circa 4.000 milioni di dollari, si scopre che un piccolo gruppo di ricchi donatori domina le contribuzioni elettorali, con 130 famiglie e i loro affari, che hanno fornito più della metà dei fondi raccolti nel mese di giugno per i candidati repubblicani.
E così è difficile da capire quella democrazia vibrante, quel faro del mondo che la retorica nordamericana continuamente invoca.
Uno studio citato dai politologi Benjamin Martin Giles e Benjamin I. Page sul New York Times, mostra che mentre i gruppi di interesse e le élite economiche sono state molto influenti negli ultimi 30 anni, il punto di vista di cittadini comuni non ha avuto praticamente alcun impatto , concludendo che “negli Stati Uniti, la maggioranza non governa”.
Secondo il World Values Survey, un terzo degli americani tende verso l’estremo inferiore su una scala di 10 punti: gli Stati Uniti “non sono affatto democratici”.
Inoltre, la sfida originale tra i due discendente di dinastie politiche, Hillary Clinton e Jeff Bush, è stata superata da estranei: un del tutto imprevedibile e impresentabile Donald Trump tra i repubblicani e Bernie Sanders, un candidato socialista, cosa che è una eresia negli Stati Uniti d'America.
Questo sviluppo senza precedenti dimostra il crescente scollamento tra cittadini e politica tradizionale. Le stesse sorprese sono emerse in Europa, con Jeremy Corbyn in Inghilterra e Alexis Tsipras in Grecia. E’ improbabile che i partiti tradizionali raggiungono la maggioranza in Spagna. Finora, solo i partiti di estrema ed ultra destra hanno continuato a crescere. Il neonazista Alba Dorata è terzo in Grecia...
Le due linee di frattura all'interno della Comunità europea: il divario tra il Nord e il Sud dell'Europa rispetto al modello di governance economica (l’austerità contro lo sviluppo) e il divario tra l'Europa occidentale e quella orientale sulla solidarietà (rifugiati), sta oscurando il problema della legittimità delle istituzioni europee.
Il fatto che in una notte a Bruxelles un gruppo di persone decide il destino di milioni di cittadini, senza alcuna consultazione (la Grecia ha pagato a caro prezzo il referendum dei cittadini), sta creando una terza divisione più profonda e più grave delle altre due.
Il caso della Grecia è stato preceduto da Cipro, un esempio di mancanza di responsabilità e di trasparenza. Eurocrati imbarazzati, tra cui Mario Draghi, hanno dovuto ammettere di aver assunto una decisione sbagliata ed hanno dovuto fare marcia indietro, ma sempre torcendo il braccio del governo.
Il fatto che i primi due salvataggi greci erano fondamentalmente progettati per salvare le banche francesi e tedesche, con quel molto poco che era l'economia greca ha aumentato la percezione dei cittadini che le banche sono più importanti delle persone.
Quest'anno il numero di banchieri che hanno ricevuto più di un milione di euro è stato di 3.178. Di questi, 2.086 in Gran Bretagna. Ma in realtà, la maggior parte ha guadagnato più di 2 milioni di euro. Nove di loro in Gran Bretagna, hanno guadagnato più di 10 milioni di euro...
Guardando il caso dei milionari, nel 2014 diventano 920.000. Le persone con un sacco di ricchezza contante, insieme con la casa e altre proprietà, con più di $ 1 milione, secondo l'ultimo rapporto sulla ricchezza nel mondo, è stato di 14,6 milioni nel 2014, pari a un incremento del 7% rispetto al 2013.
Quello che c’è di nuovo in questi ultimi anni è che le istituzioni molto conservatrici quali il Fondo monetario internazionale (FMI) hanno messo in guardia che il crescente divario sociale costituisce un freno alla crescita economica, facendo eco a uno studio dell'Organizzazione per Cooperazione e lo sviluppo economico - OCSE.
L'ultimo studio del FMI mette in guardia sulla riduzione della classe media e l’aumento sia dei poveri che dei ricchi, naturalmente in misure molto diverse. E così ugualmente il World Values Survey ha rilevato che il 40 per cento degli americani più ricchi approva un “leader forte che non ha bisogno di perdere tempo con il Congresso e le elezioni.” Nel 1995 erano solo il 20 per cento.
A questo declino della classe media si accompagna una polarizzazione nella politica e la costante crescita di partiti estremisti e xenofobi, che ora raccolgono voti tra i lavoratori più svantaggiati, che una volta avevano votato a sinistra, cosa che sta completamente cambiando lo scenario politico.
Chi avrebbe mai creduto che la Danimarca, uno dei pochi paesi al mondo che spende l’1% del suo bilancio per gli aiuti allo sviluppo (USA raggiunge solo lo 0,2%), sotto la pressione della destra del partito di governo avrebbe respinto tutti i rifugiati dal suo suolo? E che l'Ungheria avrebbe dovuto ricorrere ad azioni che ricordano il periodo nazista? E che allo stesso tempo, l'Europa orientale dichiara apertamente che loro stanno nell’Unione europea per prendere e per non dare?
Il sistema democratico ha guadagnato legittimità nella sua capacità di sostenere valori come la giustizia, la solidarietà e lo sviluppo globale della società. Non ci sono precedenti storici per prevedere cosa accadrà nel caso in cui i cittadini vivono un declino sociale ed economico per decenni e i giovani non vedono un futuro chiaro.
Ma ci sono precedenti storici che ci dicono che le società in crisi possono facilmente cadere in regimi populisti e autoritari, soprattutto se le élite ricche sostengono questa opzione.
Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti che il sistema è in decomposizione e ha bisogno di essere aggiustato. Ma questa democrazia in declino, con così pochi uomini di stato e molti politici, sarà in grado di aggiustarsi? Questo un problema che, purtroppo, dobbiamo cominciare ad affrontare.
------------------
* Giornalista italo-argentino. Co-fondatore ed ex direttore generale di Inter Press Service (IPS). Negli ultimi anni ha anche fondato Other News, un servizio che fornisce “informazioni che i mercati eliminano". Other News. In spagnolo: http://www.other-news.info/noticias/ in inglese: http://www.other-net.info/

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.