La sala di riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a New York, Foto di Patrick Gruban, Wikipedia Commons

USA: tessuto politico in disfacimento 

Il seggio negato alla Merkel
di Giorgio Castore

Quanto sta accadendo nel panorama politico europeo appare avvalorare la tesi secondo cui al giorno d’oggi avviene un disfacimento del tessuto politico molto più rapido di quanto non accadesse in passato.

Prima di passare ad uno studio accurato del fenomeno sarebbe interessante formulare qualche considerazione preliminare ad una tesi che, anche soltanto empiricamente, intendiamo sostenere.

Uno studio potrebbe fare al caso nostro se ci orientassimo su una figura ben caratterizzata. Tranquilli, non ci riferiamo al Matteo Salvini, per quanto interessante possa apparire a prima vista. Né ci riferiamo a Carneade, di cui ci siamo occupati nell’edizione di italiani.net di questo 24 ottobre. Ci proponiamo di comprendere invece, se il modello Macron possa costituire un punto di riferimento utile a ricevere insegnamenti dai commenti della stampa.

Immediatamente ci viene in mente Angela Merkel e subito la stampa odierna ci propone un periodo della sua politica che vede scorrere italici leader politici da Berlusconi a Conte, passando per altri 5 Presidenti.

Mentre la storia sancisce, per lo meno apparentemente, la conclusione della vita politica della Merkel, almeno su un versante, non altrettanto accade per gli affari multilaterali. La Merkel non è riuscita ad assistere alla conquista, da parte della Germania, di un seggio nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU, e, per favore, non venite a dirmi che si tratta soltanto di un incarico formale: sarebbe da scommetterci sulla possibilità di una diversa gestione della crisi libica!

I tentativi effettuati senza successo, per ora, di scalare un seggio al Consiglio di Sicurezza potrebbero alterare gli equilibri che si sono consolidati. La stessa mancanza (apparente) di iniziative ci riconduce agli ultimi tentativi messi in atto dai tedeschi per rivedere una possibilità di riequilibrio sullo scacchiere internazionale.

Un riequilibrio che non sembra necessario agli occhi di un Paese che presume di bloccare 70mila poveri disgraziati, con 5mila bambini, alla vigilia delle elezioni Usa di MidTerm, ma che si riproporrà sotto altra luce una volta allontanato il rischio incombente.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.