Foto via Thomas Hawk, Flickr

Stiamo assistendo alla fine della Pax Americana

Trump segna la fine di un’era
di Roberto Savio
leggi in [eng]

Con la fine della Seconda guerra mondiale gli Stati Uniti d’America sono emersi non soltanto come la potenza vincitrice, ma anche come quella intenzionata a creare un nuovo “ordine globale” basato sui propri valori. Di quell’ordine mondiale – ribattezzato Pax Americana –, gli Stati Uniti si presentavano come gli assoluti tutori.
Le Nazioni Unite permettono agli Stati Uniti di porre il suo veto su ogni risoluzione; la Banca mondiale utilizza il dollaro come valuta di riferimento; la NATO rispondeva al bisogno americano di offrire una risposta alla minaccia sovietica; l’inglese si impose come la lingua delle relazioni internazionali.
La prima fase della Pax Americana era basata sul multilateralismo e sulla cooperazione internazionale. Con Ronald Reagan e il crollo del muro di Berlino, la nuova parola d’ordine divenne “globalizzazione”.
L’esplosione del terrorismo islamista, la crisi finanziaria del 2008 e l’emergenza migranti in Medio Oriente hanno innescato una nuova fase. L’ascesa della Cina sta intaccando la supremazia statunitense.
Con Trump, infine, stiamo assistendo alla fine della Pax Americana e al ritorno di un’America isolazionista. Ma l’ideologia che ha permesso a Trump di venire eletto – la xenofobia e il nazionalismo esasperato – mal si concilia con l’idea di un ordine mondiale.

L’articolo completo di Roberto Savio, in inglese, può essere letto qui.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.