"TOPIO 3" by Humanrobo - Own work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Commons - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:TOPIO_3.jpg#/media/File:TOPIO_3.jpg

La lezione di Davos: leader scollegati dalla realtà
di Roberto Savio *
leggi in [esp] [eng]

Roma, 27 gennaio - I ricchi e i potenti che si incontrano ogni anno al World Economic Forum (WEF), questa volta si sono riuniti con uno stato d'animo cupo. Non solo perché il giorno in cui si sono incontrati quasi 8 miliardi dollari sono scomparsi dai mercati azionari mondiali a causa di una "correzione", ma anche perché nessun leader sarebbe potuto essere in ottimo umore.
Il cancelliere tedesco Angela Merkel sta perdendo terreno a causa del modo in cui ha gestito la crisi dei rifugiati. Il presidente francese François Hollande si trova ad affrontare un calo nei sondaggi, fatto che favorisce Marine Le Pen. Il primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy ha praticamente perso le elezioni. Il presidente del consiglio d'Italia, Matteo Renzi sta affrontando una grave crisi del sistema bancario italiano, che potrebbe distruggere la terza più grande economia europea.
In aggiunta, i leader di Cina, Brasile, India, Nigeria e di altre economie, quelle dei "paesi emergenti", come vengono chiamati in gergo economico, stanno attraversando una grave crisi economica, che colpisce anche le economie del Nord. L'assenza dei presidenti di Brasile e Cina ne è stato un segno rivelatore.
Tuttavia quest’ultimo incontro di Davos rimarrà nella storia del FEM (n.d.t. Forum Economico Mondiale) come il miglior esempio del crescente scollamento tra le élite e i cittadini.
Il tema del forum è stato "Come dominare la quarta rivoluzione", la tesi che l'ingegnere ed economista tedesco Klaus Schwab, fondatore e CEO di Davos, delinea in un libro pubblicato qualche settimana prima. La teoria è che siamo di fronte ad una fusione di tutte le tecnologie, fatto che cambierà l'intero sistema di produzione e lavoro.
La Prima Rivoluzione Industriale agli inizi del XIX secolo, fu quella della sostituzione della manodopera con le macchine. Poi, alla fine di quel secolo arrivò la Seconda Rivoluzione Industriale, quella che combinò la scienza con l'industria, cambiando completamente il sistema di produzione. Poi, a metà del secolo scorso, nell'era dei computer, il digitale viene consacrato come la terza rivoluzione industriale. Secondo Schwalb, ora stiamo entrando nella Quarta Rivoluzione Industriale (QRI), in cui i lavoratori saranno sostituiti da robot e dalla meccanizzazione.
Nel corso della conferenza, la banca svizzera UBS ha fatto circolare uno studio in cui si sostiene che la Quarta Rivoluzione "beneficerà coloro che hanno di più." Cioè, i ricchi diventeranno ancora più ricchi. E’ importante per i non iniziati sapere che il denaro che va ai super ricchi, non è stampato particolarmente per loro. In altre parole, è il denaro che è stato rubato dalle tasche della gente...
Davos ha suscitato reazioni significative: la prima appare nel 1991 con la fondazione del Forum Sociale Mondiale (FSM), dove 40.000 attivisti sociali si riuniscono per denunciare come illegittima la riunione dei ricchi e potenti a Davos, che emana una piattaforma perché l'élite prenda decisioni, senza alcun mandato da parte dei cittadini e in primo luogo allo scopo di tutelare i propri interessi.
Il FSM ha dichiarato che "un altro mondo è possibile", in contrapposizione al Consenso di Washington, formulato dal Fondo monetario internazionale, dalla Banca mondiale e dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Tale consenso ha dichiarato che, dal momento che il capitalismo ha trionfato sul comunismo, la via da seguire era quello di smantellare lo Stato, per quanto possibile, di privatizzare, ridurre i costi sociali, improduttivi per definizione ed eliminare qualsiasi barriera al mercato libero.
Il problema è stato che, per evitare il contagio politico, le regole del FSM stabilivano la riduzione dei Forum di discussione interni e lo scambio tra i partecipanti, senza la capacità di agire nelle istituzioni politiche. E' nel 2001 che Davos stessa doveva tener conto di Porto Alegre, una pericolosa alternativa; fuori dal suo controllo...
All'ultimo Davos, il FSM non è stato un punto di riferimento. Ma lo è stato l'altro attore, l'organizzazione internazionale di aiuti Oxfam, che in ogni WEF, ha presentato una relazione sulla ricchezza globale.
Queste relazioni sono andate documentando la velocità della concentrazione della ricchezza oscena, fino al punto di creare un mondo di disuguaglianza mai conosciuto fin dalla prima rivoluzione industriale.
Nel 2010, 388 persone possedevano la stessa ricchezza di 3,6 miliardi di persone, metà dell'umanità. Nel 2014, solo 80 persone avevano un redditi pari a quelli di 3,8 miliardi di persone. Nel 2015, il numero scende a 62 individui. La concentrazione della ricchezza sta accelerando. Nel suo rapporto 2015, Oxfam prevede che la ricchezza del 1% supererà nel 2016 quella del resto della popolazione. Venti anni fa, i super ricchi del 1% possedevano l’equivalente in beni del 62% della popolazione mondiale.
Pertanto, sarebbe stato logico aspettarsi che coloro che gestiscono il mondo, se avessero osservato i fenomeni senza precedenti di una diseguaglianza in rapida crescita avrebbe collegato il rapporto di Oxfam con quello UBS e considerato la nuova ed immensa sfida di fronte all'attuale sistema economico e politico. Anche perché la QIR prevede la graduale eliminazione di lavoratori a prescindere dalla loro funzione, in modo che possa essere occupato da macchine. Secondo Schwalb, l'uso di robot per la produzione passerà dal 12% al 55% nel 2050. Ovviamente, questo causerà una disoccupazione drammatica in una società dove la protezione sociale è già in netto calo...
Invece, la FEM in gran parte ha ignorato il problema della disuguaglianza, riecheggiando l'attuale livello di mancanza di interesse nelle istituzioni politiche. Siamo a buon punto nella campagna presidenziale americana, e se non fosse per un candidato, il senatore democratico Bernard "Bernie" Sanders la questione sarebbe stata ignorata o trascurata dagli altri 14 candidati.
Né vi è alcun riferimento alla disuguaglianza nel dibattito politico in Europa, appena al margine delle dichiarazioni di rito. I rifugiati sono ora un problema molto più urgente. E' un segno dei tempi che le istituzioni finanziarie come il FMI e la Banca Mondiale, siano molto più avanti delle istituzioni politiche, con il rilascio di una serie di studi su come la disuguaglianza sia un freno per lo sviluppo economico e come il suo effetto sociale abbia un impatto molto negativo sui temi cruciali della democrazia e della partecipazione.
L'ONU ha fatto della disuguaglianza un tema centrale. Alicia Barcena, segretario esecutivo della Commissione economica delle Nazioni Unite per l'America Latina (CEPAL), ha anche pubblicato in tempo per Davos, un rapporto molto inquietante sulla situazione di stallo in cui la regione sta entrando e identificando il problema della disuguaglianza come un problema urgente.
Ma insieme con la disuguaglianza, anche il tema tanto cruciale come quello del cambiamento climatico, è stato in gran parte ignorato. Tutto questo nonostante il fatto che i partecipanti alla conferenza di Parigi sul cambiamento climatico, abbia riconosciuto che gli impegni assunti da tutti i paesi dovranno fare in modo da abbattere la temperatura di non più di 3,7 gradi, quando un obiettivo sicuro sarebbe di 1,5 gradi. Nonostante questo fallimento molto pericoloso, i leader a Parigi hanno fatto molte dichiarazioni incoraggianti, dicendo che la soluzione verrà dallo sviluppo tecnologico sospinto dai mercati. Pertanto, sarebbe stato logico pensare che in un grande raduno di titani della tecnologia con i leader politici, la questione del cambiamento climatico avrebbe dovuto essere una chiara priorità.
Pertanto, mettiamoci d’accordo sulla lezione di Davos. I ricchi ei potenti hanno avuto tutti i dati necessari per concentrarsi sui problemi esistenziali per il pianeta ei suoi abitanti.
Ma certamente non lo hanno fatto. Questo è un forte esempio di scollamento tra la preoccupazione dei cittadini e quella delle loro élite. Il sistema politico e finanziario sta diventando auto referente, ma è anche rapidamente perdendo legittimità agli occhi di molte persone.
Candidati alternativi come Donald Trump negli Stati Uniti, Matteo Salvini in Italia o governi, come quelli di Ungheria e Polonia, non sarebbero mai stati possibili senza un malessere enorme. Ciò che è sempre più in discussione è la democrazia stessa? Stiamo entrando in una fase Weimar globale?
-------------
* Giornalista italiano-argentino. Co-fondatore ed ex direttore generale di Inter Press Service (IPS). Negli ultimi anni ha anche fondato Other News, un servizio che fornisce informazioni eliminate dai "mercati". Other News. In spagnolo: www.other-news.info/noticias/ in inglese: www.other-net.info

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.