Ancora poche ore

Soluzione politica per la Grecia e l'Europa
di Gianluca Di Russo

Il monte Olimpo, montagna più alta della Grecia, è conosciuto ai più per le reminiscenze degli studi classici che identificavano in quel luogo la dimora degli dei.
Nel corso dei secoli, la razionalità di scienziati ed astronomi ha messo in relazione la mitologia con i naturali fenomeni metereologici e aurore boreali che hanno reso, agli occhi dell'uomo, una montagna in un'icona di storia, miti e leggende.
La Grecia dei giorni nostri sta cercando con tutte le sue forze di mantenere identità, democrazia e un popolo che contribuisca alla nuova pangea europea, senza cedere ai venti dell'austerity che spazzerebbero di colpo tutte le lotte e i sacrifici degli ultimi anni.
I negoziati tra il governo Tsipras e le istituzioni europee continuano incessantemente, alla ricerca di soluzioni concrete che mettano fine alle tensioni sui mercati e sulla stabilità dell'Unione Europea. Un'uscita unilaterale della Grecia dall'euro avrebbe delle ripercussioni rilevanti su molteplici aspetti: rendere reversibile l'euro dando ai mercati la prova che l'unione monetaria è fittizia e non esistono regole che prevedano interventi e meccanismi che garantiscano la tenuta dell'euro e dei paesi aderenti. Lo stesso governatore della BCE, Mario Draghi, ha parlato di “acque inesplorate” per mettere in guardia dai possibili scenari ad oggi non prevedibili dai consueti modelli matematici applicati dagli economisti filo Austerity.
Il minimizzare a mezzo stampa del relativo peso della Grecia nel sistema europeo è parso un segnale di debolezza, portando gli spread dei paesi periferici a livelli che non si vedevano da dicembre, prima dell'avvio del Q.E. (quantitative easing). La politica monetaria perseguita fino ad oggi ha portato molti paesi sull'orlo del collasso, con aumenti smisurati di disoccupazione, perdita di prodotto interno lordo e crollo dei consumi e i vari interventi eseguiti in sede europea sono stati fino ad oggi insufficienti e intempestivi.
Chiedere al popolo greco ulteriori misure depressive porterebbe nel paese una lotta sociale che avrebbe bisogno di interventi umanitari ed aiuti dal resto dei vari paesi, non certo un bel biglietto da visita per Bruxelles e i suoi palazzi. La paura di un contagio su paesi come la Spagna e l'Italia avrebbe molta più difficoltà ad essere contenuta, con i livelli di debito pubblico e di economie molto più grandi e con pesi maggiori nel contesto europeo. I viaggi di Tsipras, i colloqui con Putin e l'avvicinamento alla Russia inaspriscono ancor di più la questione, con tutte le inevitabili conseguenze geo politiche di un interlocutore pericoloso nel cuore del Mediterraneo.
Le insofferenze dei popoli europei, testimoniate dall'avanzata di movimenti contrari alle politiche che l'Europa sino ad oggi ha prodotto, sono la minaccia maggiore per tutta la creazione del sogno di un'Europa unita.
Dall'alto del monte Olimpo, che gli dei ci diano il giusto segnale.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.