China vs U.S.A

La guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti

Cina & U.S.A: la via della seta
di Luca Mastrantonio

Non molto tempo fa c'era una famosa barzelletta in Cina che faceva :"chi è Xi Jinping?" e la risposta era " il marito di Peng Liyua" la famosa attrice con cui Xi è sposato. Oggi Xi è il presidente della Cina, comanda 1,3 miliardi di persone e presto sarà la persona più potente al mondo.

la Cina sostituirà gli Stati Uniti quale potenza dominante del mercato finanziario, questo sorpasso è inevitabile, l'economia cinese entro il 2030 sarà il doppio di quella americana:
Gli Stati Uniti hanno 3 opzioni: Possono rinunciare al primato sul mercato mondiale, attaccare militarmente la Cina o Dare il via ad una guerra commerciale con il gigante asiatico.
L'opzione più probabile è quella di una guerra commerciale, con Trump come presidente è una certezza.

Per la prima volta gli Stati Uniti sentono minacciata la loro posizione di leader egemone dell'economia globale.
Il potere degli Stati Uniti si fonda sul predominio militare ed economico. Infatti tutt'ora la flotta navale americana comanda incontrastata gli oceani controllando tutte le vie commerciali marittime. D'altra parte, molto più importante è il fatto che dagli anni '70 il dollaro è la valuta di scambio predominante nel mercato, attualmente l'80% delle transazioni mondiali avviene in dollari.
Il dollaro ha il monopolio sugli scambi per comprare oro e petrolio. Le materie prime sulle quali si fonda l'economia mondiale. Basti pensare che per comprare petrolio bisogna prima comprare il dollaro, per questo si parla di petro-dollari. Se l'italia vuole comprare 6 miliardi di euro di petrolio dal Kuwait dovrà prima convertire gli euro in dollari. Questo meccanismo oltre a far comprare indirettamente i beni del tesoro americani da la possibilità agli Stati Uniti di escludere dal mercato mondiale qualsiasi nazione.

I petro-yuan: la fine del predominio commerciale statunitense

L'obiettivo Cinese è di bypassare totalmente l'influenza economica statunitense. Il 26 Marzo la Cina ha ufficializzato l'introduzione della " Gold Alternative ", un nuovo modo per acquistare petrolio che non passa per il dollaro. La Shangai International Energy Exchange da la possibilità agli investitori di tutto il mondo di comprare il petrolio attraverso lo yuan, la moneta cinese. Il governo cinese, sa che lo yuan non è ben voluto dagli investitori stranieri, poiché poco stabile date le continue oscillazioni del suo valore. Così ha intelligentemente reso possibile, in una frazione di secondo lo scambio tra yuan ed oro. Questa è la chiave di volta del sistema che appoggiandosi sulla stabilità dell'oro potrebbe spostare il baricentro dell'economia mondiale da Washington a Pechino.

La via della seta
La Cina vuole costruire entro il 2025 una nuova via della seta che collegherà Europa e Cina . Il presidente cinese, Xi Jinping prevede di mettere a disposizione un investimento da 1,4 trilioni di dollari nella costruzioni di autostrade, ferrovie all'avanguardia che possano collegare più facilmente i due continenti. L'idea di collegare le sponde dell'oceano Atlantico a quelle dell'oceano Pacifico è un progetto ambizioso, per i più anche molto fantasioso.
La Cina ha le capacità politiche, tecnologiche, economiche e di risorse umane per far fronte ad un simile progetto che stravolgerebbe la mappa geopolitica del pianeta.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.