Conservative leaders meet at congress of European People's Party in 2012 By European People's Party - EPP_Congress_3623, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33091275

La strada è ancora in salita

L'Italia s'è desta
di Gianluca Di Russo

In piena campagna elettorale, con il governo impegnato sull'esito referendario del prossimo 4 dicembre, il nostro paese sfodera continuamente dati economici preoccupanti.
Le nuove tendenze deflazionistiche, con un calo dei prezzi ad ottobre dello 0,2%, mostrano che i timidi segnali di ripresa sono testimonianze della fragilità e difficoltà del nostro paese di intraprendere una strada verso un cammino di crescita.

PIL reale. Fonte: http://vocidallestero.it/2016/11/20/il-paziente-italiano-lanalisi-di-heiner-flassbeck-sulle-ragioni-della-crisi-economica-in-italia/

Tutti i paesi del G7 e i paesi dell'area euro hanno ripreso i livelli di Pil precedenti la crisi del 2008, tranne l'Italia (vedi tabella) che continua a rappresentare il malato cronico d'Europa.
Nell'analizzare le motivazioni del declino, spesso si è fatto ricorso a fattori endogeni, all'eccessiva burocratizzazione dello Stato, alla corruzione, al malfunzionamento della giustizia, tutti argomenti con un fondamento e meritevoli di attenzione, se non considerassimo questi fenomeni presenti anche negli anni precedenti, quando l'Italia rappresentava la settima economia del mondo, un tasso di disoccupazione al 6%, con delle eccellenze nel campo della meccanica e nel settore manifatturiero.
L'esperimento dello SME (serpente monetario europeo), nei primi anni ‘90, con il tentativo di tenere fissi i cambi delle principali monete europee, aveva costretto il nostro paese a uscire dalla morsa eccessiva della rigidità, con l'inevitabile svalutazione ed il riequilibrio dei conti con l'estero, pena il depauperamento delle riserve in valuta estera.
Con l'ingresso nell'euro, e la successiva crisi del 2008, il nostro sistema economico si è avvitato in una spirale di provvedimenti di politica economica che hanno avuto un effetto nefasto: le manovre volte a controllare l'indebitamento con l'estero, attraverso l'incremento della tassazione e il taglio della spesa pubblica, hanno provocato l'esplosione dei crediti inesigibili per le banche, con la successiva crisi dei settori produttivi e dei consumi privati, non sostenuti più dalla spesa pubblica e dai privati cittadini.
La competitività all'interno dell'Unione Europea, in un regime di cambi fissi, è andata a vantaggio della Germania, che in maniera opportunistica ha preventivamente abbattuto il costo unitario del lavoro (vedi tabella), iniziando a fagocitare, in termini di prezzi vantaggiosi, la domanda interna degli altri paesi, senza che i normali aggiustamenti dei cambi pareggiassero gli import e export.

Costo del lavoro per unità di prodotto. Fonte: http://vocidallestero.it/2016/11/20/il-paziente-italiano-lanalisi-di-heiner-flassbeck-sulle-ragioni-della-crisi-economica-in-italia/

L'Italia si ritrova così a sottostare a un cambio effettivo reale eccessivo di circa il 20%, impossibilitata a competere ed a recuperare il gap che si è creato nell'ultimo decennio.
La desertificazione industriale che ne è derivata, con un taglio di investimenti di circa il 15%, ha colpito il cuore dell'economia italiana, composta per lo più, di piccole e medie imprese, che contribuivano per circa l'80% dell'occupazione e per il 60% del Pil nazionale.
In un contesto simile, focalizzare l'attenzione sugli assetti istituzionali e sul bicameralismo, appare quantomeno “naive” il tentativo di sviare l'opinione pubblica da problemi ben più seri.
Costretti a gabbie e vincoli esterni dai trattati europei, l'Italia deve scegliere cosa fare: incentivare nuove imprese e nuovi imprenditori a recuperare lo smalto degli anni passati o continuare a tagliare redditi e consumi?
La seconda opzione è già stata dai fatti giudicata deleteria e entrerà nelle fasi buie della storia della repubblica italiana; l'altra opzione ci è preclusa dall'impossibilità del sostegno pubblico, pena procedure di infrazione dalle istituzioni europee.
Sembra essere un rebus di difficile soluzione, con il tempo che gioca a nostro sfavore.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.