Un buio medioevo nel futuro dell’Europa

Nella caduta dell'Impero Romano una metafora del crollo dell'Occidente

Un buio medioevo nel futuro dell’Europa
di Riccardo Liberati

Verso la metà del V° secolo dopo Cristo, era chiaro a tutti che l’Impero di Roma era in crisi profonda e anche pensatori cristiani come Agostino di Ippona ormai ne presagivano con timore la prossima fine.
Le cause della caduta del sistema economico – giuridico – sociale che ha plasmato la civiltà occidentale hanno sempre affascinato gli storici e recentemente alcuni accademici americani ne hanno elencate più di cento. L’inglese Gibbon attribuisce il motivo principale della sua fine al Cristianesimo. Contestato da molti, oggi le sua analisi vengono rivalutate.
L’impero di Roma era figlio di una concezione pagana della storia e la sua visione del mondo era tipica di una cultura plasmata dal paganesimo.
Ogni civiltà è figlia di una visione del mondo, cioè di una religione.
Venendo a mancare quella, la civiltà crolla.
La restaurazione pagana dell’Imperatore Flavio Giuliano detto l’apostata fu l’estremo tentativo di ritornare alla visione pagana del mondo per salvare l’Impero. Nel 2014, uno storico francese, de Jaeghere, ha pubblicato un libro di seicento pagine, intitolato: ‘Gli ultimi giorni: la fine dell’impero romano d’Occidente’. De Jaeghere sostiene che la situazione nell’ultimo secolo del dominio di Roma, era molto simile a quella che stiamo vivendo oggi.
De Jaeghere rigetta la spiegazione di Gibbon e sostiene che furono proprio cristiani come Ambrogio ed Agostino, generali come Ezio e Stilicone, nonché soldati semplici di religione cristiana a tentare con sforzi sovrumani di mantenere a galla l’impero e la sua cultura. Lo scrittore fa risalire le cause del crollo ad un banale processo chiamato denatalità. Meno uomini, significa meno soldati, meno introiti nelle casse pubbliche e quindi uno stato che si trasforma necessariamente in un tiranno fiscale.
Aumentano le tasse e diminuisce il gettito fiscale in quanto i produttori vanno in rovina e non sono più in grado di pagare. Roma del V° secolo ha ventimila abitanti; il crollo rispetto ai tempi di Traiano è del 98%.
Una vera catastrofe. La gente non mette più al mondo figli: dilagano l’infanticidio e l’aborto. Sempre più uomini dichiarano di non volersi sposare in quanto preferiscono le relazioni omosessuali.
Come non vedere in tutto ciò una similitudine con la situazione dell’Europa attuale? Ma lo storico francese dimostra che le invasioni barbariche non furono l’elemento principale della conquista dei territori imperiali.
La maggiore infiltrazione di barbari si ebbe a causa dell’Immigrazione dai territori germanici del Limes renano. In sostanza, ad un certo punto lo stato romano si trasforma in un tiranno il cui compito è quello di depredare i cittadini per mantenere un esercito ormai completamente barbarizzato e una politica assistenziale verso i nuovi entrati che altrimenti, se non alimentati, possono causare disordini.
L’impero a causa del suo eccessivo multiculturalismo viene visto come una realtà lontana e perversa che si fa viva soltanto per chiedere soldi ad una popolazione stremata. Valori come ‘pietas e ‘fides’ non hanno ormai più senso in un impero che ha cessato di essere ‘Romano’.
Come sostiene Massimo Introvigne, de Jaeghere non tiene conto delle cause legate alla religione, come invece fa magistralmente Rodney Stark.
Sta di fatto che in seicento pagine, le sue analisi sono a dir poco profonde e, per chi ne vuole capire il senso, allarmanti. Il cristianesimo, come sostiene ancora Stark, concausa o meno della fine di Roma, dette all’Europa nuova linfa ed ad una civiltà se ne sostituì un'altra.
Oggi noi europei stiamo camminando sulle stesse orme su cui camminarono i romani. Ma stiamo anche gettando alle ortiche i nostri valori cristiani che, piaccia o meno, sono l’humus del quale si è nutrita la nostra civiltà ormai plurimillenaria.
Diversamente dal V° secolo non abbiamo una nuova visione del mondo con cui poter sostituire la vecchia. Ai secoli bui del medioevo, seguì l’alba del Rinascimento. Se noi non difendiamo le nostre tradizioni saremmo costretti a lottare per difendere quelle altrui ed i prossimi secoli bui potrebbero non terminare più.
La nostra crisi non è soltanto economica o finanziaria e se non corriamo subito ai ripari, il crollo potrebbe avvenire molto presto decretando la fine della civiltà europea.

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.