I Giardini di Keukenhof. Crediti Public Domain Pictures

Da Rotterdam ad Amsterdam tra ceramiche e tulipani 

Olanda a Primavera
di Clio Morichini

In Olanda tradizione e innovazione si intrecciano. Capolavori artistici, mulini a vento, tulipani e caffè a lume di candela convivono con un’architettura rivoluzionaria, un design all’avanguardia e una vita notturna scoppiettante. I paesaggi fertili e piatti sono impreziositi da canali di drenaggio e dighe che riposano sotto ad enormi cieli aperti, mentre le città e i villaggi del paese sono spesso luoghi immacolati di case spioventi, graziosi canali e guglie appuntite. In primavera e in estate i campi di bulbi forniscono audaci spruzzi di colore, mentre a ovest e a nord la lunga costa è segnata da miglia e miglia di dune, che si estendono su ampi tratti di spiagge sabbiose.

Mulini - Olanda

La capitale, Amsterdam, è famosa per i suoi corsi d’acqua e la sua atmosfera rilassata; L’Aia ospita la famiglia Reale ed è un centro per la diplomazia internazionaleDelft è una città piccola e ricca di personalità mentre Rotterdam è la capitale dell’architettura d’avanguardia. L’itinerario si snoda dal sud del Paese, partendo da Rotterdam, verso Amsterdam, con soste lungo campi di tulipani, cittadine medievali e fabbriche di ceramiche, per una vacanza slow all’insegna dei colori della primavera.

 

Rotterdam

Skyline di Rotterdam

Rotterdam guarda al futuro. La decisione di lasciare il passato alle spalle è stata presa forzatamente il 14 maggio 1940, quando le bombe naziste hanno devastato un’area immensa, spazzando via oltre 36.000 edifici in poche ore. Da allora, un nuovo paesaggio di cemento, acciaio e vetro è risorto come una mitica fenice dalle ceneri e oggi questo porto mondiale ospita alcune delle strutture architettonicamente più rilevanti del ventunesimo secolo.

Markthal Rotterdam

Lo skyline della città è in costante cambiamento. Molti dei nuovi edifici sono commissionati da architetti contemporanei di fama mondiale tra cui Rem Koolhaas e Sir Norman Foster che hanno scolpito una città sorprendente. Questo non vuol dire però che la città sia tutta in vetro e acciaio: aree come la storica Delfshaven - dove i padri pellegrini salparono per il Nuovo Mondo a bordo dello Speedwell nel 1620 - sfuggirono ai peggiori effetti della guerra, e conservano ancora il loro vecchio carattere e fascino. E tra antico e nuovo, Het Park (The Park), grande e frondoso, ha un labirinto di sentieri che si intrecciano tra laghetti e stagni per fornire ombra d’estate e una pausa dal tessuto urbano in qualsiasi periodo dell’anno.  

Case Cubiche di Piet Blom

Grazie alla sua posizione sui delta dei fiumi Reno e Maas, l’Europoort di Rotterdam è diventato uno dei più grandi porti marittimi del mondo. La rapida espansione del porto negli anni del dopoguerra ha creato un’enorme richiesta di lavoro, portando ondate di migranti e trasformando Rotterdam in una delle città più etnicamente diverse e multiculturali in Europa.

Da non perdere le case cubiche di Piet Blom, il Museo Boijmans con la sua straordinaria collezione di arte che spazia dai maestri fiamminghi ai capolavori del 900, il nuovissimo Markthal con le sue botteghe di cibo internazionale, una gita all’Europort sui battelli, i mulini di  Kinderdijks appena fuori dalla città, una passeggiata sul lungo fiume per ammirare la strabiliante architettura e la Witte de Withstraat, la strada più allegra e colorata della città, gremita di caffè e negozi eclettici.

Boijmans

Dove dormire: Sono molti gli indirizzi dove fermarsi a Rotterdam ma il Mainport Hotel, con la sua posizione invidiabile a due passi dal fiume, dai caffè e negozi e dal porto vecchio, racchiude in sé l’essenza della città: chic e contemporaneo, con carte da parati audaci, finestre dal pavimento al soffitto, camere ampie e dotate di tutti i comfort.

Mainport Hotel. Crediti Mainport Hotel

Rotterdam Tourist Board: Con la Rotterdam City Card avrete viaggi senza limiti per i trasporti pubblici (incluso il giro della zona dell’Europoort) e sconti su tutti i siti di maggiore interesse, oltre che sconti in negozi e ristoranti. Per visitare al meglio la città consultate il sito dell’ente del turismo: https://shop.rotterdam.info/en/

Rotterdam. Crediti Pixabay 

Delft

Canali di Delft. Crediti Wikimedia Commons

A soli 15 minuti di treno da Rotterdam, Delft incanta con i suoi canali e con il suo impianto medievale ancora intatto. Per molti viaggiatori, pochi posti in Olanda sono intimi e attraenti come questa affascinante cittadina. Con i canali bruniti dal tempo e le strade di ciottoli, Delft possiede una calma che ricorda il ritmo più tranquillo dell’età dell’oro del XVII secolo, quando Johannes Vermeer era annoverato tra i suoi illustri cittadini.

Municipio di Delft. Crediti Pixabay

Delft è anche sinonimo della famosa Delftware, la caratteristica ceramica blu e bianca originariamente duplicata dalla porcellana cinese dagli artigiani del XVII secolo. Fondata intorno al 1100, Delft si arricchì di tessitura e commercio nel tredicesimo e quattordicesimo secolo e oggi ha una fiorente università,  rinomata per la sua facoltà di architettura.

Porcellana di Delft. Crediti Wikimedia Commons

La sera i piccoli locali e ristoranti si riempiono ed i canali illuminati dalla luce sono idilliaci per una passeggiata romantica e vale la pena restare qui dopo che le folle diurne se ne sono andate. Da non perdere il museo di porcellane di Delft e il museo Prinsenhof, la Nieuwe Kerk dove vengono inumati tutti i reali d’Olanda, a partire da Guglielmo d’Orange, la piazza centrale della città con il bellissimo municipio, la meravigliosa Oostpoort, unico pezzo superstite delle mura cittadine costruito intorno al 1400 come parte del sistema di difesa della città.

Delft dall'alto

 

L’Aia

L'Aia. Crediti foto Wikimedia Commons_Nikolai_Karaneschev

La terza città più grande dei Paesi Bassi, Den Haag, è un luogo maestoso e regale pieno di ambasciate e palazzi, viali e parchi verdi, un panorama culinario raffinato, una serie di bellissimi musei e una cultura sibaritica del caffè. Con oltre 25 parchi pubblici, un labirinto di stradine strette dove l’architettura contemporanea fa il paio con grandi palazzi del XVII secolo, l’Aia è una città eclettica e raffinata.

Mauritshuis

È la sede del governo olandese e della famiglia reale, di diverse entità giuridiche internazionali, tra cui la Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite. Con le sue strade percorribili a piedi, i chilometri di costa, le distese di spazi verdi e l’architettura barocca del XVIII secolo, la città merita una deviazione. Da non perdere il Mauritshuis, che ospita una serie di capolavori mondiali fra cui “La Ragazza con l’Orecchino di Perla” di Vermeer, il Castello di Binnenhof e il Riderzaal, rispettivamente il parlamento e la sala dei cavalieri, lo straordinario Museo di Escher che vanta una strabiliante collezione di opere dell’artista, il Panorama Mesdag, dipinto cilindrico di 120 metri di circonferenza e il Palazzo della Pace in stile neo-rinascimentale.

Panorama Mesdag

Tra l’Aia e Amsterdam, fermatevi ai giardini di Keukenhof, considerati i più belli del mondo. Il parco racchiude oltre 7 milioni di fiori da bulbo, piantati ogni anno. I giardini e le quattro serre offrono una fantastica collezione di tulipani, giacinti, narcisi, orchidee, rose, garofani, iris, gigli e molti altri fiori. Noleggiate una bici dopo la visita al parco per perdervi nei campi di tulipani circostanti.

Hotel Mozaic. Crediti foto Hotel Mozaic

Dove dormire: Situato nel centro di L’Aia, nell’affascinante distretto di Archipel, lo Stadsvilla Hotel Mozaic è situato in due edifici monumentali del XIX secolo. Questo elegante boutique hotel è raffinato ed accogliente, le stanze arredate con cura e gusto. La colazione da sola meriterebbe la sosta e lo staff si prodiga per rendere il soggiorno memorabile. Ha ottimi collegamenti tra tram e autobus ma è tutto comodamente raggiungibile con 10 minuti di passeggiata lungo i bei viali alberati della città. Delizioso il quartiere, gremito di boutique, negozi di fiori e ristoranti creativi.

 

Amsterdam

Amsterdam a primavera. Creative Commons

I canali fiancheggiati da edifici a timpano inclinato fanno da sfondo a musei pieni di tesori, a negozi vintage o dal design iper-creativo alla scena gastronomica che è un melting pot di ristoranti e locali trendy. Amsterdam riesce in qualche modo ad avere tutto, ha il brusio di una metropoli ma pochi inconvenienti da grande città. È abbastanza piccola per poter passeggiare liberamente o scegliere di andare in bicicletta ma grande abbastanza da non diventare mai soffocante. Gli edifici a spioventi, i graziosi ponti ed i canali silenziosi conferiscono alla città il fascino del paese che è invece una capitale contemporanea, ironica e ribelle. L’atmosfera straordinariamente rilassata la rende una delle metropoli più attraenti e anticonvenzionali del mondo.

Amsterdam. Creative Commons

Con 8.500 monumenti registrati, molti dei quali ex residenze e magazzini di mercanti costruiti su 165 canali artificiali e attraversati  da 1.700 ponti, significano che Amsterdam ha il più grande centro storico d’Europa. Il nucleo centrale è un intreccio di vicoli suggestivi, dedali appena visibili sulla mappa, finestre senza tende che offrono scorci di vita quotidiana, case galleggianti, vedute improvvise di guglie di chiese e tetti a capanna che sembrano quadri senza cornice.

Tra le sue vie si incrociano giardini nascosti, boutiques, distillerie, bancarelle di fiori piene di tulipani in un arcobaleno di sfumature, vecchi monasteri trasformati in luoghi di musica classica, ristoranti e locali di nicchia.

Amsterdam Canali. Crediti foto Creative CommonsPer trovare sapori di tutto il mondo c’è il Foodhallen, edificio industriale riconvertito e ora polo gastronomico internazionale cittadino; non perdete lo straordinario Museo Van Gogh, che ospita la più grande collezione del tormentato artista; il RijksMuseum,  sede di capolavori assoluti dell’età d’oro, fra cui Rembrandt e Vermeer, per un viaggio nella storia dell’arte olandese dal Medioevo al ventesimo secolo; la casa di Rembrandt, che conserva intatto il mobilio originale e l’impostazione delle stanze; la Casa di Anna Frank; o ancora dal museo dei gatti alle collezioni permanenti di borse, dalla fotografia, all’archeologia, ce n’è per tutti i gusti.

Per un pomeriggio di ozio potete andare a passeggiare all’Orto Botanico e poi girovagare per le vie del quartiere Joordan, hub culturale e artistico della città ricco di atelier, negozi e gallerie d’arte. Un giro in barca dei canali regala scorci e visioni dal basso difficilmente raggiungibili a piedi e se cercate un posto ancora intriso di storia, entrate nell’antico Beghinaggio del 1300.

Amsterdam mercato di fiori. Crediti Flickr Zac Mc

Dove dormire. Sono moltissimi gli edifici storici incantevoli che oggi ospitano hotel contemporanei, grondanti di fascino antico o dall’atmosfera ultramoderna incentrata sul design. Nella fascia alta, gli hotel di lusso di Amsterdam sono la dimostrazione di come gli edifici storici possano essere modernizzati e trasformati in strutture all’avanguardia con servizi che spesso includono spa di lusso e ristoranti raffinati. Fra questi l’Hotel Ambassade, lungo uno dei canali più belli della città, che vanta una posizione invidiabile e che coniuga l’anima romantica e d’altri tempi di Amsterdam con il lusso ed il comfort dei nostri giorni.

Hotel Ambassade. Crediti foto Hotel Ambassade

Amsterdam Tourist Board: Se volete scoprire Amsterdam e tutti i suoi tesori, il modo migliore è acquistando la I Amsterdam Card che consente l’accesso gratuito ad oltre 50 musei e attrazioni (fra cui il Museo Van Gogh eil Rijksmuseum), accesso gratuito a tutti i mezzi di trasporto, la crociera sui canali, omaggi e sconti dai teatri ai ristoranti. Per programmare al meglio la vostra visita consultate il sito dell’ente del turismo, che saprà offrirvi spunti e informazioni preziose per godere al meglio di una città che non smette mai di sorprendere.

i-amsterdam-card

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.