Scena tratta dal film La pazza gioia (2016) di Paolo Virzì

Da Indivisibili a La pazza gioia, tutti i film candidati

David di Donatello: i nominati
di Lorenza Rallo

Manca poco meno di una settimana alla celebre cerimonia del David di Donatello 2017. Tante le pellicole italiane ad avere ottenuto le candidature per il premio più ambito del cinema nazionale. Quest'anno la cerimonia sarà condotta da Alessandro Cattelan e tra i film più candidati troviamo La pazza gioia e Indivisibili con 17 candidature – ricordiamo anche che il film di De Angelis era stato proposto per rappresentare l'Italia al Premio Oscar – e  Veloce come il vento con 16 candidature. Questi film insieme a Fai Bei sogni e  Fiore sono candidati sia per la categoria Miglior Film sia per quella di Miglior regista.

Per le candidature come Miglior attrice protagonista figurano Daphne Scoccia per Fiore, Angela Fontana e Marianna Fontana per Indivisibili, Matilda De Angelis per Veloce come il Vento, mentre per La pazza gioia di Virzì una doppia candidatura va alle interpreti Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti.
Tra i nominati come Miglior attore protagonista: Valerio Mastandrea per Fai bei sogni – l'attore romano ha ottenuto anche una nomination per Miglior attore non protagonista nel film Fiore –, Michele Riondino per La ragazza del mondo, Sergio Rubini per La stoffa dei sogni, Toni Servillo per Le confessioni, e Stefano Accorsi per Veloce come il vento.
Antonia Truppo (Indivisibili), Valentina Carnelutti (La pazza gioia), Valeria Golino (La vita possibile), Michela Cescon (Piuma) e Roberta Mattei (Veloce come il vento), sono i nomi delle candidate per la categoria di Miglior attrice non protagonista. Mentre la rosa dei candidati per Miglior attore non protagonista è composta da Massimiliano Rossi (Indivisibili), Ennio Fantastichini (La stoffa dei sogni), Pierfrancesco Favino (Le confessioni) e Roberto De Francesco (Le ultime cose).
Tra le Migliori sceneggiature originali oltre alle candidature per Fiore, Indivisibili, La pazza gioia e Veloce come il vento, troviamo con non poca sorpresa anche Le confessioni di Roberto Andò e il film rivelazione In guerra per amore.

La pellicola di Pif si aggiudica anche la nomination per Miglior Scenografo, Miglior costumista, Miglior truccatore e Miglior acconciatore accanto agli altri film plurinominati, Fai bei sogni, Indivisibili, La pazza gioia, La stoffa dei sogni e Veloce come il vento. Questi ultimi si trovano anche nella rosa dei candidati come Miglior autore della fotografia e Miglior Musicista.

Mentre per la Migliore sceneggiatura adattata oltre ai film Fai bei sogni, Era d'estate, La stoffa dei sogni, Pericle il nero e Un paese quasi perfetto, si posiziona anche il documentario storico di Francesco Patiernò, Naples '44, presentato anche alla Festa del cinema di Roma.

L'estate addosso di Jovanotti figura anche tra le migliori canzoni in corsa per l'omonimo film, insieme a  I Can See The Star (Come diventare grandi nonostante i genitori), Abbi pietà di noi (Indivisibili), Po Popporoppò (La pazza gioia) e Seventeen (Veloce come il vento).
I candidati per il Premio David giovani, deciso da una giuria di giovani studenti e universitari, sono In guerra per amore, L'estate addosso, La pazza gioia, Piuma e 7 minuti. Il film di Michele Placido è presente anche nella categoria di Miglior Montatore insieme ai film Indivisibili, La pazza gioia, La stoffa dei sogni e Veloce come il vento.
Tra il Miglior film dell'Unione Europea compaiono le pellicole: Florence di Stephen Frears, Io, Daniel Blake di Ken Loach, Sing Streetdi John Carney, Truman -  Un vero amico è per sempre di Cesc Gay, Julieta di Pedro Almodovar, quest'ultimo non è estraneo alla candidatura al David di Donatello. Ricordiamo che il regista spagnolo ha già vinto la statuetta due volte per la stessa categoria: nel 1989 con Donne sull'orlo di una crisi di nervi e nel 2000 con Tutto su mia madre.
Nella categoria Miglior film straniero: Animali notturni di Tom Ford, Captain Fantastic di Matt Ross, Lion – La strada verso casa di Garth Davis, Paterson di Jim Jarmusch e Sully di Clint Eastwood. Anche Eastwood come Almodovar si è già aggiudicato il premio nel 2005 con Million Dollar Baby, nel 2009 con Gran Torino e nel 2011 con Hereafter. Senza contare le nomination del 2004 con Mystic River, del 2007 con Lettere da Iwo Jima, del 2010 con Invictus e del 2015 con American Sniper.
Per chi fosse interessato la cerimonia di premiazione sarà trasmessa il 27 marzo sui canali Sky Cinema, Sky Uno e anche sul canale in chiaro TV8. Buona visione e #StayTuned!

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.