Il Leone di Venezia, simbolo del festival - Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported

A Venezia in arrivo tante star e tanti film per un’ottima annata di cinema

Al via la Mostra del Cinema di Venezia
di Lorenza Rallo

Il 31 agosto è partita, puntuale come sempre, la 73 esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Per la serata della preapertura è stato scelto Tutti a casa, il celebre film di Luigi Comencini del 1960. È stato scelto questo film perché proprio quest’anno si celebra il centenario della nascita del maestro della commedia all’italiana. Per l’occasione Tutti a casa, che nel cast conta attori del calibro di Alberto Sordi ed Eduardo De Filippo, sarà proiettato in prima mondiale nella versione restaurata.
La 73esima edizione della Mostra del Cinema Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia si veste di lutto, ed elimina quella che era la tradizionale cena di gala successiva alla cerimonia di apertura, in segno di rispetto per le vittime del terremoto che ha colpito il Centro Italia lo scorso 24 agosto; lo stesso Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha annullato la sua consueta visita.
Ryan Gosling ed Emma Stone hanno aperto le danze della Mostra, che dal 1932 è una tappa fissa per gli amanti del cinema e del glamour internazionale, con La la land di Damien Chazelle, un po’ pop e un po’ musical e a metà strada tra sogno e amore, scelto come film di apertura per la Mostra. Il film porta un po’ di brio alla kermesse e cerca di evocare le antiche glorie degli irripetibili musical classici, e allo stesso tempo i due protagonisti si trovano intenti ad imitare i due angeli del balletto e mostri sacri del genere Ginger Rogers e Fred Astaire.
Il presidente di giuria quest’anno è il regista americano Sam Mendes (American Beauty, Revolutionary Road, ecc.), affiancato da Chiara Mastroianni, Giancarlo De Cataldo, Laurie Anderson, Gemma Arterton, Joshua Oppenheimer, Nina Hoss, Lorenzo Vigas e Zhao Wei. Mentre la madrina della mostra è l’attrice italiana Sonia Bergamasco, con altri importanti nomi a contendersi il red carpet per questi 10 giorni di puro cinema.
Dal 1° al 10 settembre tanti titoli e altrettanti nomi importanti saranno presenti alla mostra: The Light Between Ocean di Derek Cianfrance, con la coppia Michael Fassbender e Alicia Vikander; Arrival di Denis Villenuve con Amy Adams; Nocturnal Animals di Tom Ford con Jake Gyllenhaal; The Bleeder di Philippe Falardeau e di Franca Sozzani con Naomi Watts; Brimstone di Michael Koolhoven con Dakota Fanning e Guy Pearce; James Franco e il suo nuovo film In Dubious Battle; Hacsaw Ridge di Mel Gibson; Spira Mirabilis di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti; One More Time with Feeling, il film di Andre Dominik dedicato a Nick Cave; The Bad Batch di Ana Lily Amirpour con Jim Carrey e Keanu Reeves; Jackie di Pablo Larrain con Natalie Portman nei panni di Jacqueline Onassis; Planetarium di Rebecca Zlotowski con Lily Rose Depp, figlia di Johnny e Vanessa Paradis (il film è fuori concorso e in proiezione speciale); The Journey di Nick Hamm con Timothy Spall; Voyage of Time di Terrence Malick con Cate Blanchett; Les beaux jours d'aranjuez di Wim Wenders; Piuma di Roan Johnson; Sulla via lattea di Emir Kusturica con Monica Bellucci; A Jamais di Benoit Jacquot con Mathieu Amalric; Magnifici Sette di Antoine Fuqua con Denzel Washington e Chris Pratt; Questi giorni di Giuseppe Piccioni con Margherita Buy; e Tommaso di Kim Rossi Stuart con Jasmine Trinca e Cristiana Capotondi.
Prima mondiale anche per i primi due episodi della serie diretta da Paolo Sorrentino, The Young Pope, con uno strepitoso Jude Law tra gli interpreti presenti al Lido.
Non mancano gli omaggi ai grandi registi scomparsi quest’anno, con due nomi su tutti: Michael Cimino e Abbas Kiarostami. I due registi saranno omaggiati con la proiezione di alcuni tra i loro film più importanti. Per Cimino è stato scelto L'anno del dragone del 1985, con un’interpretazione straordinaria di Mickey Rourke. Mentre per Kiarostami i film scelti sono due: un cortometraggio inedito della serie 24 Frames, non terminato e al quale lo stesso regista stava ancora lavorando, e This is my film: 76 Minutes and 15 Seconds with Kiarostami, un film realizzato da spezzoni di filmati che raccontano 25 anni di carriera e attente riflessioni sull’arte cinematografica e la vita, che sono stati montati dal suo fedele collaboratore Seifollah Samadian.
Grandi novità anche per il Leone d’oro alla carriera. A partire da quest’anno, infatti, il tradizionale premio si raddoppia e viene assegnato ad un regista e a un attore. I due prescelti di quest’anno sono Jean Paul Belmondo, attore seducente e icona del cinema francese e internazionale, e Jerzi Skolimowski, tra i registi simbolo del cinema moderno che ha apportato un grande contributo anche al cinema polacco. Entrambi i due artisti sono stati proposti per ricevere il premio da Alberto Barbera Direttore della mostra del Cinema e scelti dal Cda della Biennale di Venezia che ha come presidente Paolo Baratta.
Tutto in grande per la 73 esima edizione della Mostra del Cinema con aperture importanti di Palazzi e location strepitose, che per l’occasione diventano base per eventi e serate all’insegna del cinema. Tra le più gettonate Excelsior, Palazzina G, Centurion Palace Hotel, Palazzo Barbaro, ecc. Mentre direttamente dal Lido il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, Dario Franceschini ha annunciato l’iniziativa Cinema2Day, in vigore dal 14 settembre, che consentirà ogni secondo mercoledì del mese l’ingresso al cinema a soli 2 euro. Da non perdere!

Stampa

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.