L’intervento di Gorbachev alla Conferenza Internazionale di Praga 2016 “La Comune Sicurezza Europea dopo la Guerra Fredda” Sept 16 2016 - Foto di Alvise Predieri www.alvisepredieri.com © tutti i diritti riservati.

Gorbachev: Russia e Occidente tornino al dialogo del post Guerra Fredda

 

Una agenda globale per la sicurezza

 

di Michail Gorbachev

 

L’inquietudine - prodotta dall’attuale situazione del mondo - cresce. Penso che ne siamo tutti consapevoli. E’ da tempo che avvertiamo che “qualche cosa non va come dovrebbe”.
Particolarmente inquietante è il fatto che l’Europa è tra i principali focolai di tensione, se non addirittura il primo. Ma a suo tempo noi dicemmo — e io ne sono tuttora convinto — che l’Europa avrebbe dovuto essere il motore per la creazione di un nuovo mondo di sicurezza, di giustizia, di stabilità.
Al centro del nostro continente continua a esistere, e non ha tregua, la sanguinosa crisi ucraina, che ha già falciato migliaia di vite umane. In Francia e in altri paesi si sono verificati atti terroristici di inaudita violenza. I rapporti tra Russia e Occidente sono seriamente peggiorati. Si spezzano rapporti economici che furono istituiti nei decenni trascorsi. Invece di un dialogo vengono decise sanzioni. E’ cominciata una nuova corsa al riarmo, crescono le spese militari, In Europa vengono dislocate nuove forze di guerra. Nessuno dei governi è stato fino ad ora capace di proporre un percorso efficace per uscire da una crisi che sta danneggiando tutti. Occorre constatare che in Europa (e in tutto il mondo) si è verificato un vuoto di idee politiche nuove, mentre i metodi della vecchia politica non funzionano più. E’ dunque necessaria una nuova politica. E bisogna cominciare proprio dall’Europa. Da una Grande Europa, che, ovviamente, deve comprendere la Russia. E’ assolutamente necessario, infine, ricostruire e realizzare nella pratica il progetto di una sicurezza comune pan-europea che sia garantita. Tentativi per realizzare questo obiettivo ci sono già stati: ricordiamo l’Atto di Helsinki, la Carta di Parigi. Ma non furono portati a compimento. Come risultato di ciò, in Europa esistono oggi due sistemi di sicurezza. Uno è pan-europeo. E’ rappresentato dall’Organizzazione per la Sicurezza Europea (OSCE), che è cosa debole, poco influente. E l’altro è la NATO, che dispone di armi possenti e di numerose basi militari, e che agisce esclusivamente nell’interesse di quegli stati che ne sono membri. È evidente uno squilibrio significativo. Esso, per la sua sola esistenza, ostacola una reale unificazione di una Grande Europa. A suo tempo vi furono leader politici europei come Hans Dietrich Genscher, come Francois Mitterrand (aggiungo ai loro nomi anche il mio), che si proposero di creare uno speciale “Consiglio di Sicurezza” (ovvero “Direttorio di Sicurezza”) per l’Europa ...

15/04/2013. Boston Marathon explosions di Aaron "tango". Tang from cambridge, ma, usa - DSC03188, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=25613005

di Diego Grazioli

15/04/2013. Boston Marathon explosions di Aaron "tango". Tang from cambridge, ma, usa - DSC03188, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=25613005
Migliaia di cittadini nel panico per una serie di attentati sotto indagine da parte della polizia per trovare delle connessioni ed individuare i responsabili. Sotto esame il rischio che possa essere in atto l’attivazione delle cellule del terrore sparse in Occidente.

Stampa

La Conferenza Internazionale sulla sicurezza europea a Praga, Foto di Alvise Predieri www.alvisepredieri.com © tutti i diritti riservati.

Resoconto della Conferenza di Praga sulla sicurezza europea

Redazione

La Conferenza Internazionale sulla sicurezza europea a Praga, Foto di Alvise Predieri www.alvisepredieri.com © tutti i diritti riservati.
Incontro sul tema della sicurezza europea: per analizzare e promuovere delle soluzioni condivise da trasferire sui tavoli decisionali istituzionali.

Stampa

Il presidente Andrei Grachev durante la Conferenza di Praga sulla sicurezza 2016 - Foto di Alvise Predieri www.alvisepredieri.com © tutti i diritti riservati.

Praga 2016: Sia questo un buon punto di partenza

di Andrei Grachev

Il presidente Andrei Grachev durante la Conferenza di Praga sulla sicurezza 2016 - Foto di Alvise Predieri www.alvisepredieri.com © tutti i diritti riservati.
La dichiarazione del presidente Andrei Grachev per la Conferenza sulla Sicurezza di Praga 2016.

Stampa

Il presidente della Fondazione Italiani, avvocato Angelo Schiano, Foto di Alvise Predieri www.alvisepredieri.com © tutti i diritti riservati.

Il Presidente della Fondazione Italiani “Promuovere il diritto di discutere le idee e le posizioni, senza vincoli.”

di Angelo Schiano

Il presidente della Fondazione Italiani, avvocato Angelo Schiano, Foto di Alvise Predieri www.alvisepredieri.com © tutti i diritti riservati.
Conferenza di Praga 2016: terza tappa della collaborazione tra la Fondazione Italiani con il New Policy Forum di Michail Gorbachev.

leggi in [eng]
Stampa

Il referendum costituzionale del 2016 sarà la terza consultazione popolare di questo tipo nella storia della Repubblica Italiana, dopo quelle del 2001 e del 2006, di Niccolò Caranti, Wikipedia

Il vizio italico dei “momenti fatali” e le cose da fare

di Roberto Mostarda

Il referendum costituzionale del 2016 sarà la terza consultazione popolare di questo tipo nella storia della Repubblica Italiana, dopo quelle del 2001 e del 2006, di Niccolò Caranti, Wikipedia
Le uniche parole che si sentono in giro sono apodittiche sottolineature del “dopo” referendum, un dopo nel quale tutti si aspettano ma temono che il governo si dimetta e si vada ad elezioni.

Stampa

La nave Vlora ormeggiata al porto di Bari nel 1991. Di Luca Turi - http://www.apuliafilmcommission.it/wp-content/uploads/La-nave-dolce.jpg, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=36002053

In Italia porte aperte per tutti, ma non per i cristiani

di Antonello Cannarozzo

La nave Vlora ormeggiata al porto di Bari nel 1991. Di Luca Turi - http://www.apuliafilmcommission.it/wp-content/uploads/La-nave-dolce.jpg, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=36002053
Paradossi burocratici nell’applicazione delle procedure per il rilascio dei visti negano ai ragazzi dello Sri Lanka invitati per il Giubileo della misericordia le garanzie offerte dalla “parola” del vescovo di Trieste.

Stampa

Libri: la recensione di Valerio Calzolaio

Boston e Usa. Pochi giorni dello scorso novembre. Cosa sappiamo? La bella 27enne Florence Flora Dane, capelli biondi e fisico tonico, occhi chiari grigio-celesti...

Stampa

Ryan Goslyng e Emma Stone, scena tratta dal film La La Land

8 film da non perdere al Toronto International Film Festival

di Lorenza Rallo

Ryan Goslyng e Emma Stone, scena tratta dal film La La Land
Il Festival internazionale del film di Toronto, 10 giorni di grande cinema scanditi da più di 275 proiezioni, rappresenta una vetrina importante per i film di tutto il mondo. Tanto da essere considerato il secondo Festival del cinema internazionale, dopo quello di Cannes.

Stampa

In questo numero il Focus della redazione

Iscriviti alla nostra Newsletter



Turisti a New York ai tempi del caos - di Denis Spedalieri

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.