Il fac simile del minibot da 5 euro con il celebre urlo di Marco Tardelli (fonte Gazzetta)

Cosa sono dunque questi famigerati MiniBot?

 

MiniBot: rischio o opportunità?

 

 di Gianluca Di Russo 

 

Se ne parla molto, spesso a vanvera, senza entrare nel merito di una forma di pagamento che, se introdotta, avrebbe sicuramente degli impatti importanti, sia a livello nazionale, sia a livello di rapporti con l’Unione EuropeaCosa sono dunque questi famigerati MiniBot? Sono titoli al portatore di piccolo taglio, emessi senza interesse dal Ministero del Tesoro, che non hanno scadenza e possono essere non accettati come forma di pagamento, caratteristica che non li configura come moneta parallela o alternativa, per la mancanza del corso forzoso tipico delle monete emesse dalle banche centrali. In sostanza, la pubblica amministrazione può dare questi titoli come contropartita a saldo dei debiti verso i fornitori, con le stesse imprese che potrebbero utilizzarli per pagare le tasse ed acquistare beni collegati alle aziende di Stato, come i biglietti del treno all’interno del territorio italiano. Si tratterebbe di un’operazione di cartolarizzazione dei debiti dello Stato, con l’intento di velocizzare il circuito economico e mettere le imprese in condizione di immettere nell’economia maggiori risorse, per aumentare quella domanda interna e quei consumi che purtroppo latitano da tempo nel Belpaese. Se a livello tecnico il tentativo potrebbe essere considerato valido, i dubbi rimangono dal punto di vista normativo e politico, con la commissione europea sul piede di guerra nei confronti di un mascherato tentativo di inserire all’interno di un Paese aderente all’euro...

Siria (fonte foto tpi.it Credit: Mezzaluna Rossa Kurdistan)

La guerra civile siriana continua a mietere vittima e distruzione

di Diego Grazioli

Siria (fonte foto tpi.it Credit: Mezzaluna Rossa Kurdistan)

Nelle ultime ore gli scontri più violenti si registrano nella parte nord-occidentale del paese, soprattutto nell'area compresa tra le città di Idlib e Hama, controllata dai miliziani islamici che si oppongono al governo di Damasco.

Stampa

Salvini incontra Trump

Un governo in perenne attesa dell’evento risolutivo

di Roberto Mostarda

Il quadro generale delle vicende politiche ed economiche in corso nel nostro paese sembra avviarsi su itinerari quanto meno singolari eppure in qualche modo non così tanto come appare. 

Stampa

Yemi Penn (fonte foto flygirlcollective.co)

Cacciata di casa, sola, con due figli piccoli, ma oggi imprenditrice

di Antonello Cannarozzo

Quante volte davanti ai problemi insormontabili della vita abbiamo pensato che la sfortuna ce l’aveva proprio con noi, quante volte abbiamo pensato che ormai non c’era più nulla da fare e che la nostra esistenza era precipitata in un vicolo cieco?

Stampa

Charlotte e Dimitri Rassan

A proposito di teste coronate

di Luisanna Tuti

Charlotte dopo un periodo di incertezze affettive, (ha avuto il piccolo Raphael da una relazione con il comico Gad Elmaleh) ha finalmente trovato una stabilità nell'amore del produttore cinematografico Dimitri Rassan.

Stampa

Libri: la recensione di Valerio Calzolaio

In Il razzismo è illegale, Livio Pepino ha redatto, curato e assemblato un ottimo lavoro collettivo di dodici personalità con l’obiettivo di contrastare il crescente diffuso razzismo “istituzionale”.

Stampa

In questo numero il Focus della redazione

I più visti dell’ultima settimana

Iscriviti alla nostra Newsletter
Email

Nome:

Cognome:


• Privacy e Termini di Utilizzo

Italian Media s.r.l. - via del Babuino 107, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d'uso e usa cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione si presta implicitamente il consenso all’utilizzo di questi strumenti. Si rimanda alla nostra privacy policy per maggiori informazioni e per la possibilità di negare il consenso.